IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.740 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

    Associazione in difesa consumatori- dal 2005 in difesa degli utenti bancari e non solo

  • Iscriviti

  • Contatore visite

    • 76,396 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Traduci nella tua lingua

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • L'usura nel contenzioso bancario, II edizione,

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • Vedi gli altri argomenti

  • Cerca per parole

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • STUDIO LEGALE

  • Cerca i post per data

  • …… o su Twitter

  • Meta

Ribelliamoci ai privilegi rubati!

Posted by Roberto Di Napoli su 27 marzo 2007

Mi è capitato di leggere, su un quotidiano, la notizia di alcuni pubblici dipendenti di Gallipoli e Nardò, in provincia di Lecce, che sarebbero stati denunciati per truffa allo Stato. Sarebbero indagati in quanto, durante l’orario di lavoro, si sarebbero recati a svolgere attività del tutto personali dopo avere "timbrato il cartellino". Avevo paura che fatti del genere, in Italia, avessero acquisito una rilevanza paragonabile alla consuetudine data la loro diffusione e spesso, purtroppo, l’indifferenza collettiva. Pur con il massimo rispetto per la presunzione d’innocenza e sperando che l’opinione pubblica si astenga sempre dal giudicare soltanto sulla base di quanto si legge sui giornali o si ascolta in televisione visto che la realtà processuale è ben più complessa (e solo una lettura degli atti può consentire una valutazione sulla sussistenza degli elementi costitutivi di qualche fattispecie penale), credo, però, che fatti simili meritino una continua riflessione sul malcostume presente in alcuni uffici pubblici dove lavorano, però, anche, in maniera ineccepibile, persone instancabili e lodevoli.

A prescindere dalla sussistenza, nel caso concreto, di elementi di colpevolezza (che, certamente, non è possibile desumere dai giornali), chiunque si sarà trovato, spesso, negli uffici pubblici, di fronte ad episodi che manifestano analogo malcostume e che dovrebbero suscitare analoga ripugnanza. Credo, ad esempio, che dovrebbe causare pari ribrezzo (ammesso che, ripeto, i fatti riportati dagli organi d’informazione trovino, poi, conferma nei provvedimenti giudiziari definitivi) l’abuso del telefono spudoratamente utilizzato, a volte, dall’impiegato pubblico, per scopi diversi da quelli consentiti.

E cosa si dovrebbe dire dei pacchi regalo posati sui tavoli o appoggiati per terra nei periodi in cui ricorre qualche festività? E’ vero. Saranno, certamente, “affari privati”. Doni ricevuti da amici che nulla hanno a che fare con le loro funzioni: perché, però, devono essere portati in ufficio? Perché bisogna suscitare il pur minimo dubbio sulla correttezza nell’amministrazione pubblica? Sono tenuti i pubblici  funzionari ad osservare un minimo buon gusto? E dovrebbe essere piacevole vedere -se mai si vedessero- volanti della Polizia, vetture dei Carabinieri, dei Vigili o altre vetture di servizio (magari anche in zone pedonali), abbandonate in sosta, se gli agenti, magari pure in divisa, stessero prendendo il caffè, il cappuccino, il cornetto, il tramezzino o le patatine? Quanto dovrebbe durare la pausa loro consentita? Sarebbe permesso anche recarsi “a far merenda” in divisa e con l’autovettura della collettività? Credo che, al di là delle norme, debba esistere un minimo decoro. Dovrebbe esistere anche una coscienza civica che dovrebbe rifiutare ed impedire comportamenti -da parte di ogni pubblico dipendente- poco conformi con la delicatezza delle funzioni ricoperte. Al cittadino sono offerti gli strumenti per sporgere reclamo e, quando occorre, anche la denuncia. Ognuno di noi, se non vuole lamentarsi, dovrebbe avere, ad esempio, il coraggio di chiedere al dipendente di “abbassare la cornetta” del telefono quando non è utilizzato per fini “inerenti l’ufficio”; dovrebbe, poi, -sempre ad esempio e ragionando per assurdo: fatti del genere, in Italia, non è possibile che accadano- impedire che si utilizzi la fotocopiatrice per scopi altrettanto non tollerabili. Mi pare che esista un regolamento dei dipendenti pubblici nei rapporti con l’utenza affisso, spesso, anche sulle pareti dei corridoi. Non bisogna dimenticare, oltretutto, che esistono norme e organi disciplinari anche nel pubblico impiego.

Per quanto mi riguarda ho deciso che, d’ora in poi, in presenza di comportamenti del pubblico dipendente non conformi alle norme disciplinari, valuterò se segnalarlo agli organi competenti e, qualora dovessi essere convinto dell’abuso, sorveglierò che il reclamo non rimanga nel “cassetto”: qualora, invece, non facessi ciò, rifletterei prima di lamentarmi perché anch’io, con le mie omissioni, avrò contribuito a concedere lussi simili a mie spese. Roberto Di Napoli

Annunci

Una Risposta to “Ribelliamoci ai privilegi rubati!”

  1. anonimo said

    Sono d’accordo il dipendente pubblico, non deve esagerare,ma come biasimarlo? con uno stipendio da fame, è se la faccia pure questa benedetta fotocopia (una non diecimila), meglio un dipendente che almeno sa come si usa un fotocopiatore o un computer che uno addetto a timbrare il cartellino e “scaldare il banco” io sono un dipendente pubblico accusato di ‘truffa ai danni dello stato’ a ragione o a torto,non stò qua a giudicare,ma non mi sento un delinquente,piuttosto un povero illuso,come le persone che nella giustizia ci credono. IL PROBLEMA E’ NEL VERTICE,NEI COSIDDETTI “PIANI ALTI” primi dirigenti pagati fior di quattrini, e poi? non sanno usare nemmeno un computer,o ignorano la presenza dei blog, dovevate vedere se i blog erano pacchi regalo!,si si quelli che si vedono solo a natale quelli che le ditte regalano ai “PRIMI DIRIGENTI E AFFINI”e agli impiegati? il nulla più totale,io durante i primi anni di servizio ho utilizzato i miei mezzi (computer portatili e altro) solo perché volevo risolvere i problemi nel mio ambiente di lavoro,non per timbrare il cartellino e far le punte alla matita. morale della favola? premi incentivanti a pioggia (una fame per tutti piuttosto che lodare i meritevoli) e una bella denuncia dal mio datore di lavoro.
    (un dipendente della pubblica amministrazione)

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: