IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Traduci nella tua lingua

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • Vedi gli altri argomenti

  • Cerca per parole

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • STUDIO LEGALE

  • Cerca i post per data

  • …… o su Twitter

  • Meta

La lotta all’usura, all’estorsione e alla filosofia dei “mezzi uomini”

Posted by Roberto Di Napoli su 17 aprile 2007

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post 

La lettura di uno dei tanti capolavori di Leonardo Sciascia e, in particolare, di “Una storia semplice” mi fa riflettere sull’attualità del romanzo. Anzi: ogni pagina mi pare sia stata scritta oggi.

Una storia semplice”, come è noto, è il titolo dell’ultima opera di Sciascia, -“il testamento morale di un siciliano” come è stato definito- in cui si narra la storia ingarbugliata e nient’affatto semplice di un omicidio le cui indagini, malgrado il tentativo ed il desiderio del questore di archiviare subito il caso come suicidio, conducono, dapprima, all’arresto di un cittadino che si era presentato “spontaneamente” a rendere informazioni e, infine, sfociano nel “terrificante” sospetto, da parte di un brigadiere, che l’autore dell’assassinio sia proprio il suo commissario.

Ho letto il breve romanzo e mi hanno colpito, in particolare, vari passi. Mi è piaciuta anche la prefazione del noto e bravissimo Andrea Purgatori nell’edizione a cura di Corriere della Sera- Rcs, 2003. Giustamente, Purgatori rileva come in “Una storia semplice” non ci sono eroi “(…) ma solo mezzi uomini –mezzi poliziotti e mezzi carabinieri, mezzi magistrati, mezzi preti, mezzi testimoni. Gente un po’ rozza e un po’ pavida, che s’aggiusta l’esistenza scansando i problemi (…)”.La lettura di brevi righe dello scrittore siciliano, a mio giudizio, fa riflettere il lettore, come dicevo, su temi, oggi, ampiamente dibattuti. Mi colpiscono anche le parole e l’eleganza dello stile. Tra le prime pagine, un particolare, -a prima lettura, irrilevante-, mi ha colpito, mi ha fatto sorridere e, spesso, mi ritorna in mente. Mi riferisco alla pagina in cui si racconta dell’arrivo di “tutti quelli che dovevano arrivare: questore, procuratore della Repubblica, medico, fotografo, un giornalista prediletto dal questore (…)”. Mi piace, in particolare, la descrizione dell’arrivo delle automobili e mi domando quali posano essere stati i motivi che hanno indotto lo scrittore alla precisazione “Sei o sette automobili che anche dopo che erano arrivate continuarono a rombare, stridere e urlare (…)”. La lettura di quelle righe mi lascia pensare al protagonismo di cui –secondo quello che si legge spesso sui quotidiani e settimanali- sarebbero affette persone che, quanto meno per il ruolo ricoperto, dovrebbero apparire, dinanzi all’opinione pubblica, più equilibrate e riservate.

Inquietante è, poi, la filosofia dei protagonisti -dei mezzi uomini come li definisce Purgatori- che emerge dalle prime pagine e, in particolare, laddove il questore sentenzia: “Suicidio(…) e ancora, dopo il tentativo del brigadiere di far rilevare i suoi sospetti, sempre il questore: “Suicidio, caso evidente di suicidio” (….) “Questo è un caso semplice, bisogna non farlo montare e sbrigarcene al più presto” (…).

Straordinaria, poi, la descrizione dell’interrogatorio tra il Procuratore della Repubblica e il suo maestro di scuola. Un Procuratore che ricorda al maestro i propri insuccessi nella lingua italiana e che chiede spiegazioni sui motivi per cui, nei componimenti d’italiano, prendeva sempre tre perché copiava mentre, un giorno, aveva preso cinque. Il maestro risponde che, probabilmente, quel giorno, aveva copiato da un autore più intelligente. Il procuratore si giustifica dicendo che, in effetti, era “piuttosto debole in italiano”, però, a suo dire, non era stato “un gran guaio: sono qui, procuratore della Repubblica”. La risposta del modesto ma saggio maestro manifesta, in maniera inequivocabile, un dato di fatto difficilmente contestabile. Il professore, infatti, risponde che “l’italiano non è l’italiano: è il “ragionare” (…). “Con meno italiano (…) sarebbe forse ancora più in alto”.

Sconvolgente, poi, quasi alla conclusione del romanzo, dopo “l’incidente” fatale per il “sospettato” commissario, è la domanda che il magistrato rivolge al colonnello e al questore non appena, quest’ultimo, finisce di relazionare sulle indagini e sugli indizi che, confessa, non aveva considerato come doveva: “Ma caro questore, ma caro colonnello, questo è troppo poco…. Se provassimo a ribaltare questa storia nella considerazione che il brigadiere mente e che è lui il protagonista dei fatti di cui accusa il commissario?

“Una storia semplice” è stato considerato, da alcuni, un esempio di malagiustizia, di corruzione, di “intrecci illeciti che coinvolgono e minano le istituzioni stesse, in primo luogo la giustizia”, e, purtroppo, a mio giudizio, potrebbe, ancora oggi, essere immaginato anche in altri ambienti e in altri contesti. Immaginato se non, purtroppo ancora più facilmente, raccontato visto che ci sono casi reali e non immaginari.

Mi è capitato, sia in esperienze personali che professionali, di venire a conoscenza di storie che si pretendeva di  archiviare, addirittura,  come “semplici” ma che, invece, tali non erano.

Faccio solo qualche piccolo esempio. Ho assistito, più volte, alla presentazione di denunce per usura ed estorsione in cui il denunciante esponeva pretese, da parte di istituti di credito, contrarie all’ordinamento e alla giurisprudenza. A mio giudizio è, innanzitutto, assurdo ed inconcepibile che a ricevere denunce per fatti che, spesso, manifestano, sin dall’inizio, la loro complessità possano essere abilitate persone che, a leggere i verbali di resa denuncia, ci si chiede presso quale scuola elementare abbiano conseguito l’abilitazione a continuare gli studi. Mi è capitato, poi, di leggere, insieme a tantissimi provvedimenti che manifestano la preparazione, l’imparzialità e l’equilibrio di cui, per fortuna, sono dotati tanti magistrati, anche richieste di archiviazione motivate “semplicemente” sulla circostanza che il tasso d’interesse pattuito non era usurario senza, però, che fosse stato analizzato l’intero rapporto secondo gli insegnamenti della giurisprudenza. So bene che, in presenza di una fondata e motivata opposizione alla richiesta di archiviazione, le indagini possano proseguire e, magari, concludersi con l’imputazione. Intendo, tuttavia, sottolineare l’inconcepibile perdita di tempo che comporta la mancanza di specializzazione –o l’inerzia nel perseguire alcuni crimini per le più svariate e recondite ragioni- da parte degli organi competenti. Non bisogna essere avvocati per capire che perdere tempo, all’inizio delle indagini di un processo penale, significa causare la perdita delle fonti di prova; significa trascurare l’adozione delle misure cautelari reali o personali che possono evitare, tra l’altro, anche la reiterazione dei reati o l’aggravamento delle conseguenze di quelli già commessi; significa, in sostanza, volere assicurare l’impunità ai colpevoli.

Nel caso delle indagini in materia finanziaria, bancaria, nei delitti di concussione, corruzione o, per dirla in breve, nelle indagini per delitti commessi dai “colletti bianchi”, occorre l’imparzialità, un’adeguata preparazione e la passione per il proprio lavoro. In mancanza di queste “virtù” ci sarà sempre qualcuno che scambierà –o riterrà comodo scambiare- la vittima per un “semplice debitore” rompiscatole; che preferirà pensare che si tratti di “un’altra storia semplice” di persona che non paga (gli usurai) e, poi, denuncia.

Mi pare che nessuno dubiti sulla necessità dell’adozione di misure cautelari nei confronti dello strozzino “professionista” (cioè quello notoriamente dedito ad attività delinquenziale). Sono certo che, in questi casi,  si mobilita, come è doveroso, un pool di magistrati e Forze dell’Ordine e, nel giro di poche ore, lo strozzino è assicurato alla giustizia. Se, però, le stesse condizioni usurarie od estorsive sono richieste da un direttore di una filiale di un istituto di credito o da un suo superiore (che dovrebbe essere, dunque, ancora più consapevole dell’illiceità della pretesa), il “trattamento” che vedo loro riservato, a mio parere, è più “soft”. Magari lo si iscrive sul registro degli indagati, se ne richiede il rinvio a giudizio, ma lo si lascia al suo posto. Tutto procede con più calma.

I presunti legami affaristici tra alcuni magistrati e un istituto di credito -oggetto di un procedimento penale presso la Procura di Catanzaro e di richiesta di azione disciplinare da parte del Ministro della Giustizia- di cui si sono occupati, nelle scorse settimane, gli organi d’informazione, spero che non sussistano (fatti analoghi, però, due anni fa, sono stati lamentati, anche altrove, da un’associazione antiusura). Se le accuse dovessero, invece, risultare fondate, spero che tali legami non siano –e non siano stati- così diffusi da costituire la ragione della diversità di trattamento -a seconda di chi sia il denunciato- nei procedimenti per usura ed estorsione o da spiegare i motivi per cui, così facilmente, si sottovalutano –o si siano sottovalutate- le denunce e le richieste di misure cautelari quando il denunciato sia il responsabile di un istituto di credito.

Malgrado tutto, sono ottimista. Dimenticavo, d’altronde, che l’Italia, culla del diritto (anche se non è mancato chi l’ha definita la “bara” del diritto), prevede, dal 1996, la figura del Commissario Straordinario per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura e, addirittura, il Comitato di solidarietà. Le vittime, quindi, poTREBBERO stare proprio tranquille. La legge prevede un Commissario Straordinario e un Comitato di solidarietà. Insomma, …….. una solidarietà straordinaria, per cui questi organi non potranno che osservare –e fare osservare- la legge antiusura ed antiracket. Se dovessero, mai, sorgere dubbi sull’interpretazione della normativa, sono certo che la comprovata esperienza di cui, per essere nominato, deve godere il Commissario non potrà che fare immediata applicazione delle regole di ermeneutica imposte dall’ordinamento. Anzi, è stata creata un’apposita struttura che, dalla lettura della legge, pare debba essere super efficiente e dotata di giuristi esperti nel contrasto all’usura e all’estorsione nonché nella tutela delle vittime. I legami tra magistrati ed istituti di credito di cui hanno parlato i giornali saranno, di certo, insussistenti e, comunque, tutte le vittime di usura e di estorsione possono stare tranquille. “Denuncia l’usuraio. Ti conviene”: l’ho visto scritto, perfino, in un manifesto appeso in alcune caserme e all’interno delle stazioni ferroviarie; l’ho sentito consigliare anche attraverso uno spot diffuso sulla principale rete nazionale.  Anni fa, poi, uno spot televisivo di un’emittente locale leccese (nella patria del balocco) mandava in onda, per rendere noto l’apposito ufficio presso la Prefettura, immagini con volanti delle Forze dell’Ordine che sgommavano e correvano (chissà dove, forse, a casa della vittima). Chissà quante persone, avendone i presupposti, avranno usufruito dei benefici previsti dalla normativa antiusura ed antiracket, quante vittime salvate dal suicidio (in un decennio, a partire dal 1995, pare che, in Italia, ce ne siano stati duemila, forse, non tutti debitori!) e quante famiglie di vittime lasciate serene nelle proprie abitazioni grazie al Commissario Straordinario, al Comitato di solidarietà, ai Prefetti e ai magistrati imparziali! Mi chiedo: le vittime, oggi, possono credere che ci siano, davvero, legami tra alcuni magistrati e alcuni istituti di credito? E, potrebbero mai avere ragione di credere che, in caso, ad esempio, di usura od estorsione commessa anche da rappresentanti di banche, il Commissario Straordinario e il Comitato di solidarietà non tutelino le vittime adeguatamente nei modi e tempi previsti dalla legge o si rendano complici contribuendo a fare aumentare le sofferenze? Si potrebbe, mai, pensare, dalla lettura della normativa antiusura ed antiracket, che il Commissario Straordinario, il Comitato e i Prefetti, per la concessione dei benefici, possano essere condizionati da altri fattori se non dai presupposti richiesti dalla legge e confermati necessari dalla giurisprudenza? Vorrei tanto credere e rispondere di no.

Sarebbe inevitabile, altrimenti, il peggioramento del già profondo senso di sfiducia dei cittadini nell’amministrazione della giustizia e il timore che, proprio negli uffici dove la pubblica amministrazione, attraverso ogni suo funzionario, dovrebbe onorare e servire il popolo sovrano, vadano aumentando -e, ancora peggio, si lascino seduti sulle proprie poltrone-, ancora più dei mezzi uomini, quelli che Sciascia poneva ad un livello ancora più sotto: i sempre presenti quaquaraquà. Roberto Di Napoli

Annunci

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: