IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Cina, la metro di Hangzhou diventa il regno di fumetti e cartoon. FOTO 28 aprile 2017
      Cina, la metro di Hangzhou diventa il regno di fumetti e cartoon. FOTO In occasione del China International cartoon and animation festival, l'azienda del trasporto pubblico del capoluogo dello Zhejiang ha decorato sei vagoni di un treno sotterraneo con centinaia di disegni colorati. LA FOTOGALLERY Parole chiave: fotogallery mondo cartoni_animati anime _ […]
    • Napoli: emergenza posti letto all'ospedale Cardarelli 28 aprile 2017
      Napoli: emergenza posti letto all'ospedale Cardarelli Picco di afflussi al pronto soccorso negli ultimi giorni: tornano le barelle in corsia. Attivata l’unità di crisi. Il dg Verdoliva: “In vista del primo maggio, situazione a rischio” Parole chiave: ospedale_cardarelli sanità napoli […]
    • Stamina, Vannoni al gip: "In Georgia è legale, nessun reato" 28 aprile 2017
      Stamina, Vannoni al gip: "In Georgia è legale, nessun reato" Il fondatore del discusso trattamento terapeutico a base di cellule staminali è stato fermato nella sua villa a Moncalieri. È accusato di associazione per delinquere aggravata dalla transnazionalità. Il ministro Lorenzin: "Appello ai pazienti, non credete ai ciarlatani" Parole c […]
    • Mattarella a Palermo per ricordare Pio La Torre. FOTO 28 aprile 2017
      Mattarella a Palermo per ricordare Pio La Torre. FOTO Il presidente della Repubblica in visita nel capoluogo siciliano. A margine della commemorazione ha rotto il protocollo e chiacchierato con delle persone diversamente abili che gli avevano rivolto un appello via Facebook. LA FOTOGALLERY Parole chiave: fotogallery cronaca mattarella disabili palermo pio_la […]
    • Migranti e Ong, il caso del pm di Catania finisce al Csm 28 aprile 2017
      Migranti e Ong, il caso del pm di Catania finisce al Csm Il vicepresidente di Palazzo dei Marescialli, Giovanni Legnini, annuncia un fascicolo sulle dichiarazioni del procuratore Zuccaro . Orlando: “Non generalizzare, fare indagini”. Di Maio attacca il ministro: vergognoso Parole chiave: migranti ong trafficanti carmelo_zuccaro inchiesta procura_di_catania a […]
    • Milano, presidio animalista protesta davanti al tribunale. FOTO 28 aprile 2017
      Milano, presidio animalista protesta davanti al tribunale. FOTO Circa 40 persone hanno manifestato per sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo al processo in corso nei confronti di 5 attivisti sottoposti a giudizio per un'azione compiuta nel dipartimento di Farmacologia dell'Università Statale meneghina nel 2013. LA FOTOGALLERY Parole chia […]
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.736 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Iscriviti

  • Contatore visite

    • 72,581 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Traduci nella tua lingua

  • In libreria ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • …………………. per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • Vedi gli altri argomenti

  • Cerca per parole

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • STUDIO LEGALE

  • Cerca i post per data

  • …… o su Twitter

  • Meta

Non c’è soltanto la “malagiustizia”: una normale impresa e un colosso bancario di fronte ad un Giudice imparziale

Posted by Roberto Di Napoli su 15 dicembre 2007

Tribunale di Latina

Ho letto e leggo tutti i giorni storie assurde di malagiustizia, di vittime di usura, di estorsione e, in genere, di persone calpestate o abbandonate dalle stesse Istituzioni nella cui presenza e funzionamento avevano confidato.

Un Paese che, prima, impone il rispetto delle norme ed invita a denunciare chi le violi e, poi, anche per un solo momento (o, come si verifica spesso, per anni o decenni) lascia nella disperazione le vittime è uno Stato che, di fatto, si comporta come un “vigliacco”.

Ho scritto, più di una volta, in questo e in altri blog, mie sensazioni, opinioni personali e tristi esperienze di malagiustizia.

Sono convinto, però, che l’Italia sia rappresentata anche da persone perbene, da magistrati scrupolosi che lavorano con passione e da agenti delle Forze dell’Ordine che rispettano e fanno rispettare la legge da chiunque.

Ritengo doveroso, quindi, ricordare non solo gli episodi tristi o le “gesta” di qualche impiegato “Furioso” che perde il senno o lo utilizza per turpi scopi personali, ma anche l’attività, gli atti eroici o normali (ma che, in un sistema distorto, appaiono eroici) di chi, invece, lavora con serietà (è, ovvio, comunque, che errare humanum est e poche parole si possono dire quando l’errore è commesso in buona fede e si adoperi per porre rimedio).

Ho preso atto, in più di un’occasione, per fare un esempio, della professionalità ed immagine di imparzialità di vari magistrati del Tribunale di Latina. Chi, pur giovane come me, ha assistito ad atti, quantomeno, "singolari" e, sentendosi particolarmente vicino alle vittime di usura ed estorsione, ha notato quanto sia difficile la loro tutela quando tali delitti siano commessi non dal "delinquente di strada" ma dal cravattaro “in giacca e cravatta”, apprezza ancora di più la serietà ed imparzialità di quei magistrati che, oltre ad essere onesti, lo appaiono.

Ecco un recente caso di giustizia "normale", o, meglio (ricordando il nome di un’associazione di cui apprezzo moltissimo l’attività), di giustizia giusta: una società, nell’Agosto 2005, si rivolge a me e al mio amico collega avv. Federico Bianchi per instaurare una causa, a Latina, nei confronti del più importante istituto di credito italiano al fine di ottenere la restituzione di quanto illegittimamente addebitatole nel corso di un lungo rapporto di conto corrente. Prima ancora della udienza di prima comparizione delle parti, purtroppo, muore un socio amministratore e la causa si interrompe. La banca, senza alcuno scrupolo, nelle more della riassunzione, "bussa ad un’altra porta" proponendo ricorso per decreto ingiuntivo “inaudita altera parte” al fine di ottenere le somme da essa vantate nei confronti di quella stessa società che, mesi prima, l’aveva convenuta in giudizio. Ottiene il provvedimento senza accennare, ovviamente, alla causa già pendente nè al fatto che ogni singola clausola contrattuale da cui traeva origine il presunto credito era stata contestata. Anzi: menziona la pendenza di alcune ipoteche volontarie (alcune anche per mutui, con quella stessa banca, estinti tanti anni fa) a carico della società (solo apparentemente) debitrice in modo da ottenere il titolo provvisoriamente esecutivo e, intanto, sfuggire all’immediato contraddittorio. In seguito alla notifica del titolo alla nostra assistita, proponiamo opposizione e la procedura, anche al fine di decidere sulla riunione da noi richista, viene assegnata alla stessa giudice designata a trattare la causa a cognizione piena da noi preventivamente instaurata. Chiediamo, oltre alla riunione delle cause, l’immediata sospensione della provvisoria esecutorietà per vari motivi esposti in oltre trenta pagine di opposizione. Il giudice concede termine per note ma, all’esito, nega la sospensione ritenendo che le somme vantate dalla banca non fossero state contestate. Nell’atto di opposizione, invece, era stata contestata ogni singola clausola, negata la fondatezza di ogni pretesa creditoria e chiesta (si dice: in via riconvenzionale) la condanna della banca alla restituzione degli importi spettanti alla società. Le cause vengono, tuttavia, riunite come da noi richiesto e rinviate ad Ottobre 2007.

Nel frattempo la banca avrebbe potuto iniziare un’esecuzione ritenendosi creditrice di oltre duecentotrentamila euro. Proponiamo, allora, un ricorso per provvedimento d’urgenza ex art. 700 cod. proc. civ. in corso di causa al fine di ottenere (così come riconosciuto ammissibile da alcuni giudici), previa consulenza tecnico-contabile, l’immediata restituzione delle somme indebitamente corrisposte dalla società correntista. Insistiamo, inoltre, nella revoca dell’ordinanza con cui era stata negata la sospensione chiedendo, altresì, vari provvedimenti, quali la cancellazione delle segnalazioni “a sofferenza” alla Centrale Rischi, al fine di evitare che la società, fino all’esito della causa, fosse ulteriormente pregiudicata.

L’udienza si è tenuta il 1° Agosto 2007. La banca sosteneva l’inammissibilità della domanda di revoca dell’ordinanza che, negandola, aveva già deciso sulla sospensione. Il giudice, invece, pur non concedendo gli ulteriori provvedimenti d’urgenza richiesti (ritenendo che la complessità della vicenda non consentisse la trattazione col ricorso al procedimento ex art. 700 cod. proc. civ.), ha revocato, accogliendo le nostre richieste ed eccezioni, la precedente ordinanza e, “per gli effetti”, sospeso la provvisoria esecutorietà del titolo. 

E’ molto interessante la motivazione nella quale il giudice ha, espressamente, ricordato come la non modificabilità o revocabilità dell’ordinanza che decide sulla sospensione, si riferisce soltanto al provvedimento col quale sia stata già concessa la sospensione (che sarebbe, appunto, non modificabile) e non, come era avvenuto nel caso di specie, all’ordinanza con la quale sia stata negata.

Provvedimenti del genere, oltre ad incoraggiare il cittadino che deve continuare ad avere fiducia nella giustizia, confermano l’equilibrio di cui deve essere dotato ogni magistrato. Quel giudice ha dimostrato di avere esaminato con attenzione –pure ad Agosto– le eccezioni, le richieste della piccola impresa, la “fondatezza” della pretesa della banca e dei pericoli prospettati da entrambe le parti.

Non deve mai essere dimenticato, infatti, che “titoli” agevolmente ottenuti “inaudita altera parte” sottacendo circostanze importanti che, probabilmente, ne avrebbero impedito la concessione, hanno determinato, in tanti casi,  la distruzione di imprese essenziali, invece, all’economia nazionale o la compromissione della salute, della vita, della serenità di tante persone e di tante famiglie.

procedimenti sommari sono previsti dal codice di rito e hanno una struttura e funzione tale da garantire, comunque, la difesa. La giustizia sommaria, intesa come “giustizia” superficiale e disattenta alla tutela di entrambe le parti, invece, tutto è tranne che giustizia: è arbitrio.

Il giudice che, nell’ambito di un procedimento d’urgenza, ha revocato la sua stessa precedente ordinanza dopo avere valutato la fondatezza delle eccezioni delle parti, ha dimostrato di essere un giudice in grado di esercitare con serietà e imparzialità le proprie funzioni: quelle di ius dicere, di fare giustizia. Roberto Di Napoli 

Ringrazio gli amici di Giustizia Giusta per avere pubblicato questo post.

<!–

–>

Advertisements

2 Risposte to “Non c’è soltanto la “malagiustizia”: una normale impresa e un colosso bancario di fronte ad un Giudice imparziale”

  1. anonimo said

    Rispondo all’amico il quale (senza indicare il proprio nome) ha inteso scrivere il commento precedente “E’ in edicola……” che, purtroppo, se non specifica il particolare fine per il quale ha ritenuto di segnalare il volume “in edicola”, non mi sembra opportuno inserire il commento così come redatto in quanto potrebbe apparire un mero messaggio pubblicitario estraneo allo scopo di questo blog. E’ ovvio che se, invece, ritiene di segnalare l’opera per un particolare fine inerente il post o il blog, sarò ben lieto di pubblicare il commento.
    In attesa di precisazione, saluto cordialmente e ringrazio per la considerazione.
    Roberto Di Napoli

  2. anonimo said

    Caro Roberto,
    Ti segnalo una sentenza del Tribunale di Latina , tra le tante di stesso tenore , segnalata anche al CSM, inutilmente :
    Sentenza RG.799/06 con cui il Giudice rigetta il mio ricorso , confermando la legittimità della sanzione applicata dall’Ente cui lavoro ( sospensione dal servizio e dallo stipendio per 30 giorni ) : “I fatti accertati in giudizio attraveso le dichiarazoni sostanzialmente univoche dei testi escussi comprovano la sussistenza dei comportamenti ingiuriosi ed offensivi nei confronti dei colleghi di lavoro e del suo superiore gerarchico”.MA NESSUN TESTIMONE è STATO ESCUSSO NE’ RICHIESTO DALLE PARTI”.
    Con questo voglio dirti che forviare l’oggetto della domanda da parte dei Giudici è diventato l’unico sistema per rigettare i miei ricorsi. Stesso metodo è adottato dalla Procura .Per non annoiarti ti cito solo una emblematica richiesta di archiviazione: ..Quanto , agli assunti atteggiamenti di mobbing vale la pena di evidenziare il comportamento posto in essere dall’indagato non integra nessun estremo oggettivo di reato e che, anzi, lo stesso risulta persona offesa in un procedimento di ingiurie e minacce instaurato a carico dell’odierna querelantre , il cui esito di estinzione per remissione di querela è significativo di indizi in ordine alla ricorrenza dei presupposti del delitto.
    Margherita

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: