IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Un'app per combattere la sordità 4 dicembre 2016
      Un'app per combattere la sordità Presentata a Roma durante la fiera "Innovatech" 2016, la tecnologia in grado di aiutare i non udenti a condurre una vita sociale autonoma. Oltre all'applicazione, guanti hi-tech, dispositivi che utilizzano il riconoscimento vocale e un rilevatore di suono collegato a un bracciale Parole chiave: disabilità, […]
    • Le star più seguite su Instagram nel 2016. FOTO 3 dicembre 2016
      Le star più seguite su Instagram nel 2016. FOTO People ha pubblicato la classifica dei vip più popolari sul social network nell'ultimo anno. Una top ten quasi totalmente al femminile, in cui a trionfare sono le regine del pop e dei reality, con l'incursione di qualche sportivo. LA GALLERY Parole chiave: star, instagram, fotogallery, selena gomez, d […]
    • California, incendio durante un concerto: 9 morti 3 dicembre 2016
      California, incendio durante un concerto: 9 morti Il rogo è scoppiato in un locale a Oakland nel corso di un'esibizione di musica elettronica. Il crollo del soffitto dell'edificio ha reso più difficili le operazioni di soccorso. Disperse almeno 25 persone Parole chiave: incendi, california, oakland stati uniti […]
    • Il morbo di Parkinson potrebbe "nascere" nell'intestino 3 dicembre 2016
      Il morbo di Parkinson potrebbe "nascere" nell'intestino Una ricerca americana ha evidenziato come la presenza di alcuni batteri nell'apparato digerente possa influenzare lo sviluppo di malattie neurodegenerative. Si tratta però di una sperimentazione condotta per ora solo su animali da laboratorio Parole chiave: parkinson, morbo di parkin […]
    • La rabbia dei testimoni di giustizia: "Siamo fantasmi che camminano" 3 dicembre 2016
      La rabbia dei testimoni di giustizia: "Siamo fantasmi che camminano" Si sono radunati sotto Palazzo Chigi per chiedere allo Stato certezze sul loro futuro. "Ci sentiamo abbandonati - dicono - Non possiamo nemmeno lavorare" Parole chiave: testimoni di giustizia, mafia, collaboratori, fantasmi, antimafia stato […]
    • Meningite, le due studentesse a Milano uccise dal batterio di tipo C 3 dicembre 2016
      Meningite, le due studentesse a Milano uccise dal batterio di tipo C Le due ragazze frequentavano entrambe la Statale  e sono morte rispettivamente a luglio e novembre. "Ora bisogna capire se i batteri sono identici e se sono stati portati dallo stesso portatore sano" spiega il responsabile dell'Igiene pubblica Giorgio Ciconalli Parole chiave: […]
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.737 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Abbonati

  • Contatore visite

    • 68,025 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012

Seduta straordinaria del Comitato di solidarietà. Anche la solidarietà è straordinaria?

Posted by Roberto Di Napoli su 8 gennaio 2008

Il post seguente è stato pubblicato anche sul sito di Emidio Orsini, sul sito laconoscenzarendeliberi e sul mio blog nello spazio di Radio Radicale-Fai Notizia

Uno dei miei tanti desideri per quest’anno appena iniziato è che si prenda atto dell’insufficiente tutela delle vittime di usura ed estorsione bancaria e che si ponga rimedio a quanto subito da queste ultime, in vari casi, per un’errata interpretazione della normativa. Il 2007 si è concluso con l’importante riconoscimento, anche da parte del Consiglio di Stato, dell’usura bancaria e, precisamente, con l’annullamento del decreto con cui il Comitato di solidarietà aveva ritenuto che la vittima di usura bancaria fosse meritevole di benefici di minore entità rispetto alla persona offesa dall’usura criminale. E’ agevole comprendere l’importanza del provvedimento. E’ inconcepibile, tuttavia, a mio avviso, che una struttura appositamente istituita per agevolare le vittime e i cui componenti si presume siano dotati di esperienza ed eccellente preparazione giuridica possa perseverare nell’errore. La mia famiglia -e, precisamente, mio padre-, come più volte scritto su questo blog, sin dal 14 Febbraio 2006 ha domandato l’accesso al Fondo di solidarietà e sin dal 16 Marzo 2006 aveva ottenuto la sospensione ex art. 20 l. 44/99 di ogni procedura esecutiva (azionata, tra l’altro, unicamente, dagli imputati di usura ed estorsione bancaria) (cliccare qui per leggere il provvedimento del Prefetto). A distanza di quasi due anni non si è vista l’ombra di un beneficio, di un minimo aiuto, di un centesimo. Gli unici vantaggi, forse, li avranno ottenuti gli imputati favoriti, finora, da vari organi (pendono, anche per questi,  procedimenti civili e penali davanti ai giudici competenti). La vittima, infatti, non ha ottenuto nemmeno la sospensione ex art. 20 l. 44/99 e i suoi beni continuano ad essere venduti (in una procedura, ripeto, i cui unici istanti sono gli stessi imputati).

Ho appreso che oggi, presso la Prefettura di Ascoli Piceno, ci dovrebbe essere una seduta straordinaria del Comitato di solidarietà per le vittime di usura ed estorsione. Emidio Orsini, l’imprenditore che era stato discriminato quale vittima di usura bancaria, ha diffuso una lettera aperta a Lauro,  Commissario Straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura, che ho letto e invito a leggere (per leggerla, basta cliccare qui).

Nel caso che ha coinvolto la mia famiglia, il motivo per cui non è stato erogato un centesimo dovrebbe essere la pendenza di una procedura fallimentare (la cui sentenza, tra l’altro, non è definitiva) ottenuta, ripeto ancora una volta, dagli imputati. A prescindere da alcune pronunce giurisprudenziali che, in casi analoghi, hanno riconosciuto, invece, la persona offesa, ugualmente meritevole dei benefici, un’interpretazione preclusiva dei benefici a favore della vittima "fallita" determinerebbe, secondo me, uno "stravolgimento" della normativa la cui ratio, come noto, è quella di incentivare le denunce offrendo tutela alle persone offese ed aiutandole a reinserirsi nell’economia legale. Si dovrebbe, allora, rettificare la nota campagna pubblicitaria nel senso che avevo già formalmente suggerito, l’anno scorso, al Comitato di solidarietà qualora avessero ritenuto, la procedura fallimentare instaurata dagli imputati, ostativa alla concessione dei benefici. Avevo suggerito, in pratica, di rettificare lo slogan "Denuncia l’usuraio. Ti conviene" con una precisazione, del tipo, ad esempio: "…ma se l’usuraio ti minaccia di farti fallire, pagalo perchè, altrimenti, lo Stato non ti aiuta". Mi pare che un’interpretazione del genere sia poco conforme all’ordinamento vigente e spero che i componenti del Comitato se ne rendano conto perchè, come si suol dire, "errare humanum est, perseverare diabolicum".

Riporto di seguito il testo del mio comunicato inviato ad Emidio Orsini e ad alcuni organi di informazione.

"In merito alla lettera aperta pubblicata da Emidio Orsini sul proprio sito internet e inoltrata ai mass media, non posso che condividere i paradossi messi in evidenza dall’imprenditore-vittima di usura.

Ritengo assurda e indegna di un Paese civile la mancata o, comunque, inefficiente tutela delle vittime di usura ed estorsione bancaria (constatata, purtroppo, anche dalla mia famiglia a causa dei fatti estorsivi ed usurari commessi dalle banche contro mio padre ed accertati dalle competenti Procure della Repubblica; il 6 Novembre scorso, è stato dedicato, alla vicenda, un servizio da parte di TG5 – Indignato Speciale).

Ritengo ancora più inconcepibile che una costosa struttura appositamente istituita per agevolare le vittime e la cui normativa indica, in maniera molto chiara, gli unici requisiti affinché queste ultime possano usufruire dei benefici le abbia, finora, abbandonate.

Il Comitato di solidarietà, anche nei casi più disperati, ossia, in presenza di una vittima o loro familiari con seri problemi di salute (come mio padre, imprenditore con le stampelle da vent’anni a causa di un attentato) e con l’ufficiale giudiziario e le Forze dell’ordine fuori la porta per sbatterli fuori casa, non ha dimostrato maggiore celerità ed efficienza nel fornire ausilio ai malcapitati.

E’scandaloso pensare di potere giustificare le sofferenze subite dalle vittime -pur in possesso dei requisiti previsti dalla legge per accedere al Fondo e agli ulteriori benefici- attraverso una diversa interpretazione della normativa che, poi, come ha avuto modo di accertare più di una volta la giurisprudenza, tra cui, il Consiglio di Stato nell’ambito del procedimento instaurato da Orsini, si è rivelata errata.

Nel caso di Di Napoli, l’imprenditore leccese titolare di un patrimonio di oltre ventimilioni di euro (già vittima di un attentato che lo costringe tuttora a camminare con le stampelle) a cui carico pende una procedura fallimentare instaurata unicamente dagli attuali imputati di usura ed estorsione e diretta da un magistrato che è anche controparte –in altri giudizi- del “fallito”, la vittima ha richiesto l’accesso al Fondo di solidarietà sin dal 14 Febbraio 2006. Il successivo 14 Marzo 2006 aveva ottenuto, sia da parte del Prefetto di Roma che da parte del Presidente del Tribunale e del Procuratore della Repubblica di Roma (nella capitale pende un processo per estorsione a carico dei responsabili di una banca), il parere conforme per potere beneficiare della sospensione per trecento giorni, ex art. 20 l. 44/99, di ogni procedura esecutiva a suo carico incluso lo sfratto dall’abitazione venduta (tra l’altro illegittimamente e avverso la quale pende ricorso per cassazione).

Di Napoli, invece, nonostante, sin dal 15 Settembre 2006, avesse invitato formalmente il Commissario Straordinario, il Comitato di solidarietà e il Ministero degli Interni a far rispettare la suddetta sospensione, il 19 Ottobre 2006 veniva sbattuto fuori casa dopo che essa fosse stata invasa, per oltre 7 ore, da oltre una decina di Carabinieri e agenti di Polizia diretti dal Commissario di P.S. : tutto ciò, inoltre, in pendenza dell’allora vigente decreto legge di blocco degli sfratti.

Dal 19 ottobre 2006 nessun membro del Comitato né tanto meno il Commissario Straordinario hanno fornito il minimo ausilio alla vittima che, perciò, è già determinato a rivolgersi ai giudici competenti al fine di domandare il risarcimento dei danni subiti per avere confidato nell’aiuto da parte dello Stato.

Non escludo che il Comitato di solidarietà cerchi di giustificare la propria inerzia con interpretazioni simili a quelle già smentite dalla giurisprudenza.

Con riferimento alla sospensione ex art. 20 l. 44/99 si fraintende, a mio avviso, il significato della sentenza della Corte Costituzionale n. 457/2005. La Consulta, infatti, si è limitata ad espungere dalla suddetta norma l’aggettivo “favorevole” al fine di evitare che il parere del prefetto vincoli l’autorità giudiziaria a cui soltanto –come riconosciuto dal giudice delle leggi- spetta la decisione finale. Si verificava, infatti, in passato, che il prefetto, con un suo parere “favorevole”, sospendesse le procedure esecutive pendenti a carico della vittima di usura o estorsione malgrado il parere contrario del Presidente del Tribunale. La Corte Costituzionale, tuttavia, non ha censurato il resto della norma che, in nessuna parte, richiede l’ulteriore parere del Giudice dell’Esecuzione.

In seguito al parere del Prefetto che, dopo la sentenza 457/2005 della Consulta, deve, pertanto, essere conforme a quello del Presidente del Tribunale, la sospensione per trecento giorni ex art. 20 l. 44/99, a mio avviso, si dovrebbe ritenere operante ope legis, ossia, per legge senza l’ulteriore –e non previsto- provvedimento del Giudice dell’Esecuzione il quale non può che prendere atto del beneficio intervenuto dichiarando, così, sospesa la procedura. L’art. 624 c.p.c., d’altronde, già consente a qualunque “esecutato” di richiedere, in presenza di gravi motivi, la sospensione dell’esecuzione.

E’ difficile comprendere a cosa servirebbe la norma di cui all’art. 20 l. 44/99 se l’esecutato- vittima, invece, per potere ottenere una sospensione –peraltro per un tempo limitato- debba richiedere, prima, il parere del Prefetto, poi, quest’ultimo, quello del Presidente del Tribunale e, nel caso essi siano conformi, rivolgersi al Giudice dell’esecuzione per ottenere un provvedimento che si sarebbe potuto ottenere con lo strumento previsto dall’art. 624 cod. proc. civ. .

Non escludo che nel “caso Di Napoli” il Comitato di solidarietà e il Commissario giustifichino l’inerzia anche con la presenza di una procedura fallimentare. Vero è che, però, la giurisprudenza ha già riconosciuto che le somme spettanti alla vittima di usura ed estorsione a titolo di elargizione non rientrano nell’attivo fallimentare. E’ la stessa legge, d’altronde, che, a mio avviso, escluderebbe una simile interpretazione preclusiva dei benefici.

In ogni caso, negare –finchè dura la procedura fallimentare- i benefici ad un imprenditore che non ha voluto soddisfare le pretese estorsive avanzate da chi, proprio per tali pretese, dopo essere stato denunciato, ha richiesto ed ottenuto una sentenza di fallimento (in un giudizio sommario che, come noto, non offre le garanzie della “cognizione piena”), secondo me, equivale a dire: “Denuncia l’usuraio, ti conviene” “se, però, ti minacciano il fallimento, pagalo altrimenti lo Stato non ti aiuta”.

Il Ministro degli Interni, a mio avviso, dovrebbe esaminare con attenzione quanto finora verificatosi e denunciato dalle vittime valutando le giustificazioni ed interpretazioni finora date dal Comitato alla luce di quanto, invece, previsto dalla legge e riconosciuto dalla giurisprudenza. Dovrebbe, quindi, anche per rispetto delle vittime, adottare ogni misura che dovesse rendersi opportuna a carico di coloro che dovessero ritenersi incompatibili con le delicate funzioni ricoperte nonché disporre serie indagini –anche di carattere ispettivo- per verificare eventuali responsabilità di chiunque, a qualsiasi titolo, possa avere aggravato i già compromessi diritti della vittima molti dei quali riconosciuti inviolabili anche dalla Convenzione europea dei diritti dell’Uomo (Luigi Di Napoli –esiste un video- il 19 Ottobre 2006, in pendenza della sospensione, in seguito al rifiuto dei medici del 118, fu trascinato fuori dalla sua casa, disteso sul divano e sconvolto per i dolori, dagli stessi agenti delle Forze dell’Ordine; il Comitato di solidarietà è rimasto in inspiegabile silenzio). Roberto Di Napoli"                                         
<!–

has been replaced here –>

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: