IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.739 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

    Associazione in difesa consumatori- dal 2005 in difesa degli utenti bancari e non solo

  • Iscriviti

  • Contatore visite

    • 75,435 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Traduci nella tua lingua

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • L'usura nel contenzioso bancario, II edizione,

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • Vedi gli altri argomenti

  • Cerca per parole

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • STUDIO LEGALE

  • Cerca i post per data

  • …… o su Twitter

  • Meta

L’indennizzo per l’eccessiva durata del processo è dovuto anche se la causa era infondata

Posted by Roberto Di Napoli su 1 febbraio 2012

La giurisprudenza aveva già riconosciuto ed affermato il principio secondo cui l’indennizzo per la durata eccessiva del processo è dovuto anche nel caso di soccombenza nel giudizio cd. “presupposto”.

La Corte di Cassazione, sez. VI, con la sentenza del 9 Gennaio 2012 n. 35, ha ribadito il suddetto principio con maggiore chiarezza affermando, in sostanza, che: ” in caso di violazione del termine di durata ragionevole del processo, il diritto all’equa riparazione di cui all’art. 2 della legge n. 89 del 2001 spetta a tutte le parti del processo, indipendentemente dal fatto che esse siano risultate vittoriose o soccombenti e dalla consistenza economica ed importanza del giudizio, a meno che l’esito del processo presupposto non abbia un indiretto riflesso sull’identificazione, o sulla misura, del pregiudizio morale sofferto dalla parte in conseguenza dell’eccessiva durata della causa, come quando il soccombente abbia promosso una lite temeraria, o abbia artatamente resistito in giudizio al solo fine di perseguire proprio il perfezionamento della fattispecie di cui al richiamato art. 2, e dunque in difetto di una condizione soggettiva di incertezza, restando irrilevante l’asserita consapevolezza da parte dell’istante della scarsa probabilità di successo dell’iniziativa giudiziaria“.

Riporto il link di alcuni siti nei quali è pubblicata anche la motivazione della sentenza. La notizia è stata riportata anche su Il Sole 24 Ore del 30 Gennaio 2012.

Cliccare sui link di seguito indicati per leggere la sentenza:

– dal sito dirittoeprocesso.com Eccessiva durata del processo: possibile l’indennizzo anche se l’azione è infondata? Cassazione, sez. VI, 9 gennaio 2012, n. 35.

dal sito altalex.com http://www.altalex.com/index.php?idnot=55408

per leggere la notizia dal sito de Il Sole 24 Ore del 30 Gennaio 2012 http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-01-30/pinto-tutela-anche-infondatezza-064338.shtml?uuid=AacLbSkE&fromSearch

Annunci

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: