IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Un'app per combattere la sordità 4 dicembre 2016
      Un'app per combattere la sordità Presentata a Roma durante la fiera "Innovatech" 2016, la tecnologia in grado di aiutare i non udenti a condurre una vita sociale autonoma. Oltre all'applicazione, guanti hi-tech, dispositivi che utilizzano il riconoscimento vocale e un rilevatore di suono collegato a un bracciale Parole chiave: disabilità, […]
    • Le star più seguite su Instagram nel 2016. FOTO 3 dicembre 2016
      Le star più seguite su Instagram nel 2016. FOTO People ha pubblicato la classifica dei vip più popolari sul social network nell'ultimo anno. Una top ten quasi totalmente al femminile, in cui a trionfare sono le regine del pop e dei reality, con l'incursione di qualche sportivo. LA GALLERY Parole chiave: star, instagram, fotogallery, selena gomez, d […]
    • California, incendio durante un concerto: 9 morti 3 dicembre 2016
      California, incendio durante un concerto: 9 morti Il rogo è scoppiato in un locale a Oakland nel corso di un'esibizione di musica elettronica. Il crollo del soffitto dell'edificio ha reso più difficili le operazioni di soccorso. Disperse almeno 25 persone Parole chiave: incendi, california, oakland stati uniti […]
    • Il morbo di Parkinson potrebbe "nascere" nell'intestino 3 dicembre 2016
      Il morbo di Parkinson potrebbe "nascere" nell'intestino Una ricerca americana ha evidenziato come la presenza di alcuni batteri nell'apparato digerente possa influenzare lo sviluppo di malattie neurodegenerative. Si tratta però di una sperimentazione condotta per ora solo su animali da laboratorio Parole chiave: parkinson, morbo di parkin […]
    • La rabbia dei testimoni di giustizia: "Siamo fantasmi che camminano" 3 dicembre 2016
      La rabbia dei testimoni di giustizia: "Siamo fantasmi che camminano" Si sono radunati sotto Palazzo Chigi per chiedere allo Stato certezze sul loro futuro. "Ci sentiamo abbandonati - dicono - Non possiamo nemmeno lavorare" Parole chiave: testimoni di giustizia, mafia, collaboratori, fantasmi, antimafia stato […]
    • Meningite, le due studentesse a Milano uccise dal batterio di tipo C 3 dicembre 2016
      Meningite, le due studentesse a Milano uccise dal batterio di tipo C Le due ragazze frequentavano entrambe la Statale  e sono morte rispettivamente a luglio e novembre. "Ora bisogna capire se i batteri sono identici e se sono stati portati dallo stesso portatore sano" spiega il responsabile dell'Igiene pubblica Giorgio Ciconalli Parole chiave: […]
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.737 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Abbonati

  • Contatore visite

    • 68,025 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012

AAA può essere il rating dell’impresa che denuncia l’illegalità pure nei confronti di banche o può essere solo una sigla seguita da “cercasi banca sensibile verso chi contesta abusi bancari”?

Posted by Roberto Di Napoli su 17 febbraio 2012

Ho letto che il delegato nazionale Confindustria per la legalità, Antonello Montante, si è fatto promotore di un’iniziativa soprannominata “rating di legalità” (per leggere l’articolo sul sito di Panorama, cliccare sul link indicato sotto al presente post): idea apprezzabile ma ancora più utile sarebbe, a mio avviso, se si tenesse maggiormente in considerazione ogni “illegale” o “illecito” ostacolo  all’attività imprenditoriale e il coraggio di chi denuncia. Di fronte a banche che, nell’istruttoria finalizzata alla concessione di finanziamenti o anticipazioni richieste, sono solite valutare il rating dell’azienda, attraverso, principalmente, l’analisi del bilancio e del rischio, il delegato di Confindustria ha proposto di ampliare i criteri con viene giudicata l’affidabilità sollecitando, in particolare, una maggiore attenzione affinché sia considerato il fatto che quell’azienda ha denunciato l’illegalità. Un’iniziativa, ripeto, che condivido sia per evitare che le imprese -come dichiarato da Montante in un’intervista a Panorama- si trovino di fronte ad un “drammatico dilemma: rivolgersi agli usurai o cessare l’attività” sia per l’obbligo che si dovrebbe avere di “tenere in vita le piccole e medie imprese che sono la memoria del Paese” .

Ho, però, la sensazione che non si tenga conto o si sottovaluti il fenomeno degli abusi bancari di cui sono -o sono state- vittime migliaia di imprese e famiglie. Non si può, ancora oggi, ignorare che in ogni parte d’Italia ci sono migliaia di esecuzioni immobiliari o cause di opposizione a decreti ingiuntivi aventi origine in pretese, da parte di banche, fondate su titoli nulli (come, ad esempio, i mutui stipulati per estinguere posizioni debitorie su conti corrente con la stessa banca mutuante) o su saldi passivi determinatisi a causa dell’addebito, nel corso degli anni (o di decenni), di interessi, commissioni od oneri non pattuiti coi criteri imposti dalla legge e capitalizzati trimestralmente fino a divenire usurari. Si è già verificato, più volte (e lo confermano le sentenze ottenute dal 1999 ad oggi), che, all’esito dei lunghi giudizi, l’impresa o l’utente bancario si rivela creditore e non debitore della banca. Nel frattempo, però, l’impresa è fallita o il cittadino è esausto e privo di forze dal momento che nemmeno riesce ad iniziare una nuova attività a causa di illegittime segnalazioni presso le “centrali rischi”.

Ci sono, già da anni, “accordi quadro” firmati da Abi, banche, Ministero dell’Interno e Prefetture per il sostegno alle vittime di usura ed estorsione. Quando il correntista, o, in genere, utente bancario, però, risponde alla lettera di revoca del fido chiedendo alla banca di rideterminare la posizione contabile applicando quanto sancito dalla legge o i principi affermati dalla giurisprudenza unanime, mi è capitato di vedere, al massimo, solite lettere standard con le quali si ignorano o si smentiscono gli stessi principi affermati dai giudici.  A cosa servono, allora, gli accordi quadro se l’utente, dopo essere stato costretto a denunciare per usura o estorsione i responsabili di una banca o, comunque, dopo avere contestato il saldo passivo perchè non lo ritiene validamente determinatosi, trova tutte le porte chiuse?

Condivido, quindi, e apprezzo la proposta del delegato nazionale della Confindustria di far tenere in considerazione, nella valutazione del rating, anche il fatto che quell’impresa ha denunciato l’illegalità.

Non leggendo alcun accenno agli abusi bancari mi chiedo, però: bisogna considerare, ancora, come se fosse un dogma, l’infallibilità della banca, l’impossibilità che questa commetta usura o estorsione, o si può (si deve), invece, prendere atto delle svariate denunce presentate da imprenditori coraggiosi e delle innumerevoli sentenze civili che, negli ultimi anni, hanno riconosciuto, spesso, il debito e non il credito delle banche per l’illegittimo addebito di interessi, commissioni ed oneri anatocistici od usurari? Eppure il Consiglio di Stato, anni fa, in un parere, ha ritenuto equiparabile l’usura bancaria a quella criminale! A volte, poi, sono le stesse pretese (giuste o meno che siano) che possono spingere l’utente più debole o disperato a rivolgersi agli usurai. Proprio giorni fa, ad esempio, su La Gazzetta del Mezzogiorno, è stata pubblicata la notizia di una storia comune a tanti: un imprenditore che, di fronte alle richieste perentorie di un direttore, si è chiesto se deve essere costretto a rivolgersi agli strozzini. Sul sito de “Il Corriere della Calabria”, oggi, poi, è stato pubblicato che a Roma lo storico “Cafè de Paris” di Via Veneto, “meta preferita non solo da Fellini negli anni della “Dolce Vita”  ma, evidentemente, anche della ‘ndrangheta nelle cui mani era finito, mentre prima trovava aperte le porte degli istituti bancari, ora, invece, che è stato confiscato e restituito allo Stato, ha difficoltà

E’ auspicabile, allora, che il rating delle imprese che si oppongono alle richieste di somme non dovute o superiori a quelle consentite, pur quando provengano da banche (o da banchieri), sia, un giorno, classificato con quella triplice AAA con cui, in genere, le agenzie classificano gli Stati o le imprese maggiormente affidabili e prive di rischio. In Italia, però, finchè la situazione resta come quella attuale in cui si consente alle banche e ai loro responsabili, impunemente (se non, addirittura, premiandoli con “premi alla carriera”), di distruggere o far fallire imprese con i conseguenti pregiudizi al diritto di proprietà degli imprenditori, al lavoro dei dipendenti e al risparmio o agli utili dei soci od investitori  (quando non, addirittura, alla salute e alla vita visto che non sono pochi gli imprenditori che si sono ammazzati, negli ultimi anni, a causa della crisi o del negato accesso al credito)- temo che AAA possa, soltanto, essere una sigla che preceda una richiesta: AAA cercasi banca disponibile a sostenere chi si ribella ad indebite richieste bancarie. 

Cliccare qui per leggere l’articolo pubblicato sul sito web di Panorama dal titolo “Confindustria: la tripla A delle imprese antimafia“;

cliccare qui per leggere la notizia pubblicata sul sito de La Gazzetta del Mezzogiorno “Imprenditore denuncia «Costretto dalla banca a rivolgermi agli usurai»“;

cliccare qui per leggere l’articolo sul sito de Il Corriere della Calabria “Banche avare con il “Café de Paris.

7 Risposte to “AAA può essere il rating dell’impresa che denuncia l’illegalità pure nei confronti di banche o può essere solo una sigla seguita da “cercasi banca sensibile verso chi contesta abusi bancari”?”

  1. Claudio said

    Ho denunciato ai Carabinieri di Pavia l’illegalità (usura, estorsione, truffa e favoreggiamento) del trattamento riservato alla mia azienda da parte di un maggiore Istituto Bancario. Ho fatto questo in forza della ctu redatta nella parte civile (opposizione a precetto) della stessa controversia contro la Banca che certifica una maggiore richiesta della Banca pari a 200.000 euro rispetto al dovuto. Il PM ha chiesto l’archiviazione perche’ il fatto non sussiste, od ove sussista, ha forma lieve. Questo ha interdetto alla mia azienda la possibilità di usufruire della sospensione dei termini e di avere alcun aiuto concesso dallo Stato alle vittime dell’usura. Ho presentato ricorso al Gip, tuttora pendente.
    In sede civile, nonostante la ctu, qualche giorno fa’ mi sono visto respingere il ricorso contro l’atto di pignoramento per la somma indebitamente richiesta, sono anche stato condannato a rifondare alla controparte 5000 euro di spese.
    I dirigenti della Banca stanno certamente ridendo di me.
    Claudio Perelli

  2. Caro Claudio, non molli e continui. I GIP non sempre accolgono la richiesta dei PM. L’importante è motivare bene, come sicuramente avrà fatto il Suo difensore, le ulteriori indagini che si richiedono. A Frosinone e a Sciacca, come potrà leggere nei post che troverà su questo mio blog, ad esempio, il GIP non ha accolto le richieste del PM. Certo, la battaglia non è facile ma non credo che i dirigenti della banca ridano. Il mio più sincero “in bocca al lupo”. Roberto Di Napoli

  3. Beatrice Zadera said

    Carissimo Claudio, ti sono vicina, purtroppo la battaglia è dura, ma non demordere … serve creare una rete, mantenere i contatti tra chi, come te (e come me) pretende giustizia … con forza bisogna chiedere che la “legge sia realmente … uguale per tutti, anche per le banche e i banchieri” e ricordare che l’usura è un reato perseguibile d’ufficio, ogni pibblico ufficilae ha il dovere di accertare il RISPETTO della LEGGE.

    Carissimo Roberto
    l’articolo a cui tu fai riferimento credo sia solo una grande bufala!!!, una notizia di “facciata”… nn mi fido delle banche e delle associazioni di categoria … e ad avallare questa mia condizione, la notizia di oggi, che nella mia bacheca facebook ho inserito e lapidariamente commentato con “SEMPRE PIU’ CONFERME!!! LE BANCHE SOSTENGONO SOLO LE IMPRESE MAFIOSE … PORTE CHIUSE X TUTTI … ANCHE PER LO STATO”. Il commento si riferisce ad una notizia di stampa … mega titolo per lo storico locale della dolce vita romana …

    Banche avare con il “Café de Paris”

    Lo storico locale di via Veneto, confiscato alle ‘ndrine, mentre prima trovava sempre aperte le porte degli istituti bancari, adesso ha difficoltà.

    Dopo aver appreso dalla pubblicazione delle intercettazioni delle ffoo dei favoritismi e dalle agevolazioni bancarie ai vari clan … con questa news … il vaso è stracolmo!!! ormai siamo al punto di non ritorno!!! Povera Italia

    Beatrice Zadera

  4. LUCIANO PEROTTO said

    Caro Avv. Roberto,
    grazie per la tua instancabile ed incalcolabile attività!
    Dalla mia esperienza, che ben conosci e che dura da ben 17 anni, posso dire che la soluzione sta solo nel unione delle forze e nella continuazione delle battaglie per adeguare le leggi in vigore e proporne altre piu’ adeguate anche ai tempi…
    Per quanto riguarda il supporto, indispensabile, bancario per continuare a lavorare o per attivare una nuova ditta dopo essere stati distrutti dal sistema BANCHE-GIUSTIZIA e ASSENTEISMO delle ASS. DI CATEGORIA e della POLITICA, non vedo che una soluzione: NBF&F
    NUOVA BANCA dei FALLITI & FOTTUTI,
    fatta con lo scopo di mantenere, rilanciare o far risorgere le imprese sgozzate. martoriate e o uccise dalla CASTA BANCARIA ITALIANA e dalla inneficenza della GIUSTIZIA, che fa più danni delle Banche stesse!
    Per fare questo ci vuole una VERA UNIONE nazionale di tutti i vessati, spirito e forza per combattere e farsi sentire in PARLAMENTO e in EUROPA.

    IO SONO QUA!

    LUCIANO X8

  5. LUCIANO PEROTTO said

    dal sole 24 ore di oggi:

    http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-02-17/gennaio-gela-prestiti-imprese-223924.shtml?uuid=Aa6ysbtE
    .
    ..Mussari ha poi rincarato la dose: «Auspico che questo Paese sia più orgoglioso delle sue banche. Stiamo attraversando le fase più difficile dal ’45 a oggi e finora le banche non sono costate un centesimo alla collettività», ha affermato. E ancora: «Nel 2008 la moratoria è costata alle banche 15 miliardi di liquidità, ciononostante ci apprestiamo a farne un’altra. Riproporla oggi con la situazione che c’è sulla liquidità dimostra qual è lo spirito delle banche nei confronti del Paese».

    ……Ma quanto è costato e costa al PAESE, alle imprese, ai cittadini, alle famiglie e quindi al sistema sociale e tributario, la rapina bancaria legalizzata e tutelata??
    Mi pare di sentire la storia della volpe e dell’uva….

    Negli altri stati europeii mi pare che il sistema sia ben diverso.

    LX8

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: