IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Referendum, Renzi: "Sì rafforza Italia". Grillo: "Paese spaccato" 2 dicembre 2016
      Referendum, Renzi: "Sì rafforza Italia". Grillo: "Paese spaccato" Il presidente del Consiglio: “In 48 ore ci giochiamo il futuro dei prossimi 20 anni”. Delrio: “Se vince il No, credo che il premier si dimetterà”. Berlusconi: “Un No contro l’ex sindaco padrone dell'Italia". Salvini: “Voti inventati per il Sì all’estero” Parole ch […]
    • Referendum 4 dicembre: si o no 2 dicembre 2016
      Referendum 4 dicembre: si o no Dai costi al bicameralismo fino al rapporto tra Stato e Regioni, ecco alcuni degli argomenti sostenuti dai favorevoli e dai contrari al provvedimento.  Parole chiave: referendum costituzionale, referendum, referendum 2016, ragioni sì, ragioni no, referendum scheda […]
    • Referendum costituzionale, ecco tutti i risparmi della riforma 2 dicembre 2016
      Referendum costituzionale, ecco tutti i risparmi della riforma Tra le stime del Governo e i calcoli della Ragioneria dello Stato la proporzione è di circa 1 a 10. La quota maggiore deriverebbe dalle novità riguardanti il Senato Parole chiave: riforma costituzionale, costituzione, referendum, 4 dicembre, risparmi referendum scheda […]
    • Stop al diesel entro il 2025: l'annuncio di quattro metropoli 2 dicembre 2016
      Stop al diesel entro il 2025: l'annuncio di quattro metropoli L’impegno da parte di Parigi, Città del Messico, Madrid e Atene è stato preso durante il vertice C40 che riunisce tutte le metropoli impegnate nella battaglia per l’ambiente e la riduzione delle emissioni di gas serra Parole chiave: inquinamento atmosferico, diesel, abolizione diesel, futuro […]
    • Delitto Caccia, il gip dispone che il presunto killer resti in carcere 2 dicembre 2016
      Delitto Caccia, il gip dispone che il presunto killer resti in carcere Per un errore procedurale, Rocco Schirripa, il panettiere accusato di essere stato nel 1983 l’esecutore dell'omicidio del procuratore di Torino aveva ottenuto un’ordinanza di scarcerazione, poi bloccata. Secondo i pm “esiste un pericolo di fuga grazie ad appoggi in Spagna”  Parole ch […]
    • Referendum, fiducia al governo: le novità della riforma costituzionale 2 dicembre 2016
      Referendum, fiducia al governo: le novità della riforma costituzionale Il governo chiederebbe la fiducia per il suo insediamento solo alla Camera dei deputati. E' una delle conseguenze della fine del cosiddetto bicameralismo perfetto Parole chiave: referendum scheda, fiducia, Referendum Costituzionale, senato BICAMERALISMO […]
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.737 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Abbonati

  • Contatore visite

    • 68,017 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012

Carceri già sovraffollate:uno spreco mettere in cella Corona.E se si dovessero accertare colpe dei responsabili dello scandalo MPS? Non sarebbe stato meglio ….

Posted by Roberto Di Napoli su 27 gennaio 2013

POVERO FABRIZIO CORONA!

Avevo postato proprio ieri alcune mie (forse, pur banali) considerazioni sulle condizioni di salute di Tanzi e sulla compatibilità col regime carcerario. Leggendo le notizie di questi giorni (o meglio, ciò che i media tradizionali scrivono o raccontano)  su Corona e sullo scandalo MPS mi è venuto, però, spontaneo pensare che chi effettivamente, a mio avviso, ha distrutto l’economia, chi ha fatto danni ben più gravi, in questo Paese non paga mai (anzi, magari, può pure diventare Ministro). Faccio una premessa: non legittimo nè giustifico la condotta di Corona nè di chiunque altro compia un reato o che rubi pure un centesimo. A me, però, a questo punto, dopo avere letto di scandali maggiori, di Corona dispiace per vari motivi. Primo: perchè, in genere, mi fanno pena tutti gli sbruffoni che, pure se milionari, considero dei poveracci in quanto non hanno la fortuna di avere un minimo di intelligenza, sensibilità e capacità di sorridere anche senza soldi. Secondo: perchè (se ho capito bene) sta scontando la pena per il reato di estorsione per avere minacciato la pubblicazione di una fotografia se non avesse avuto 25.000 euro  da un calciatore (il cui sudore per guadagnare quella somma -una briciola rispetto a stipendi ultramilionari che già fanno discutere- è ben diverso da quello dei comuni mortali che 25mila euro magari non li vedono nemmeno in un anno). Tutti i “saggi benpensanti” (milioni quelli che pontificano su facebook o internet) oltre a conduttori in tv o giornalisti di questo straordinario Paese di mer…aviglie lo denigrano per avere minacciato la pubblicazione se non avesse avuto quella somma ma non hanno il coraggio di manifestare altrettanto sdegno per Mussari o per i vertici di MPS che i soldi li hanno avuti direttamente con conseguenti perdite ad azionisti oltre che ai cittadini. Se dovessero essere accertate le responsabilità di quanti hanno causato il disastro MPS vorrei vedere in galera anche questi nella cella accanto a Corona ma ben sorvegliati. Ci sarebbe il pericolo che lo possano prendere in giro o, magari, umiliarlo per avere preteso 25mila euro e che gli insegnino come fotterne aggiungendone, almeno, 3 zeri in più. Povero Corona! Col noto sovraffollamento delle carceri, sarebbe stato meglio non sprecare una cella e lasciarne libera una in più per sbatterci dentro chi ha distrutto questo Paese (visto che, probabilmente, già non basterebbe un edificio). Se è vero che la funzione della pena dovrebbe essere quella della riabilitazione del condannato e se si volesse tutelare il diritto alla salute fisica e psichica, la mia opinione è che, per Corona, sarebbe stata più appropriata la scelta di una misura alternativa al carcere.

Pubblico il link della notizia di TG COM: Corona, lappello della madre a Napolitano”Chiedo ai politici che aiutino mio figlio” – Cronaca – Tgcom24.

10 Risposte to “Carceri già sovraffollate:uno spreco mettere in cella Corona.E se si dovessero accertare colpe dei responsabili dello scandalo MPS? Non sarebbe stato meglio ….”

  1. Sono senz’altro d’accordo. Per Corona e quelli come lui che pensano solo ai soldi e calpestano i sentimenti, spegnendo i sorrisi delle persone, una pesante sanzione amministrativa (soldi da destinare ai disoccupati). Per chi ha distrutto l’economia dell’Italia e ogni speranza di futuro dei suoi cittadini e non paga mai – anzi, ce li ritroviamo anche a “fare leggi” – quando non addirittura ministri o premier, lavori socialmente utili e la sera in galera (a spese loro e triplicate).

  2. marina said

    Buonasera Roberto, condivido le tue parole sulle responsabilità di chi ha distrutto l’economia di questo paese, ma ritengo che Corona, come ogni persona condannata in via definitiva per un reato (che a mio avviso è infame, perchè l’estorsione è una forma di ricatto basata ovviamente sulla possibilità della vittima di pagare,) debba scontare la pena come ogni altro cittadino che la legge riconosca colpevole. Se invece di soldi avesse chiesto prestazioni sessuali ad una delle persone immortalate credo che il giudizio morale nei suoi confronti sarebbe stato ancora più severo. Il fatto che abbia ricattato un ricco non toglie l’elemento di sopraffazione e di violenza ai danni di una persona che vede violata la sua privacy e che deve essere costretta a pagare per non subire danni da quelle che possono essere scelte discutibili ma personalissime, sulle quali il pubblico non deve avere il potere di entrare nel merito o, peggio, non deve sentirsi libero di osservare dal buco della serratura.
    Non va dimenticato che i reati del signor Corona sono stati diversi,connaturati per di più dall’arroganza e dalla cafonaggine di chi si crede al di sopra della giustizia. Sono d’accordo nell’estendere la carcerazione a chi ha creato mostri e disastri che adesso colpiscono ( e colpiranno) la nazione, ma questo signore non è il povero ladro di polli punito severamente e crudelmente, è lo specchio di un certo tipo di bullo paesano che commette un reato credendosi coperto ed immune dalla ricchezza e dalla (bruttissima) fama. Ed anche se ovviamente spero che in cella non gli torcano un capello, perchè la detenzione non deve dimenticare il rispetto della persona, credo che la galera se la sia cercata, sfidata, ed ampiamente meritata.

    • Cara Marina, come sai la pensiamo, spesso, in modo identico. Fossimo in un Paese serio in cui tutti scontassero la pena, non ci avrei nemmeno pensato un secondo. La realtà, però, sappiamo, purtroppo, che non è così. Corona è giustissimo che sconti la pena fino all’ultimo giorno. Non condivido, però, alcuni articoli giornalistici che l’hanno dipinto come il peggior criminale. Per me la pena deve, sempre, tener conto del grado di offensività che non significa, ovviamente, che rubare 1 centesimo ad un ricco non sia reato ma, a mio avviso, che si debba applicare la giusta misura tra il minimo e il massimo della pena. Il carcere, poi, sappiamo che dovrebbe essere l’extrema ratio, soprattutto se consideriamo che non è, di fatto, il luogo più adatto a rieducare il condannato in conformità a quanto, invece, prevederebbe l’art. 27 Cost. Per Corona, io -ripeto, nell’attuale situazione di fatto che vede, purtroppo, ex terroristi in libertà o autori di reati più gravi impuniti- avrei ritenuto più adatto gli arresti domiciliari. Sarebbe stata anche quella del carcere la scelta giusta se a scontare la pena fossero anche i banchieri e tutti quanti hanno compiuto e compiono, ogni giorno, identico reato con danni ben più gravi. La Cassazione, proprio giorni fa, ha ribadito il principio che anche la minaccia di azioni giudiziarie ingiuste costituisce estorsione quando è finalizzata ad ottenere somme non dovute o superiori al lecito. I responsabili di MPS (così come di altre banche) quanti anni dovrebbero stare in galera se si pensa a quante lettere o cause o azioni esecutive sono instaurate per ottenere somme non dovute costringendo imprese a chiudere o facendo piangere famiglie? Per me fatti del genere sono ben più gravi di quelli -ripeto, pur sempre delittuosi- commessi da Corona che, anche per me, ha metodi rozzi e da sbruffone: la legge, però, non può essere applicata più o meno severamente a seconda della faccia che uno porta. Aggiungo anche un’ulteriore mia -probabilmente banalissima- considerazione: non dimentichiamo che, piaccia o no, Corona è un fotografo. Se avesse detto o se usasse dire: “un giornale mi paga 1000 euro se pubblico la tua foto; tu, invece, quanto mi dai?” è reato? Nel caso per il quale sconta la pena, probabilmente, avrà compiuto una vera e propria minaccia. Ricordo, però, anni fa alcuni articoli in cui veniva denigrato in quanto aveva fotografato, in mezzo alla strada o in locali pubblici, alcuni vip. Un conto è fotografare in spazi privati, tutelati dalla privacy e minacciare la pubblicazione in difetto di pagamento; altro è fotografare in posti pubblici. Credo che Corona sia un bullo ma ci sono tanti soggetti (con l’aspetto più elegante) che hanno distrutto l’economia con danni alla collettività intera che, invece, girano impuniti se non premiati. E’ questo il problema e finchè persiste questa situazione, per me, Corona è un soggetto che ha violato la legge, che è giusto che sconti la pena ma in un Paese reso più triste dall’impunità di chi compie fatti ancora più gravi senza subire un solo istante di privazione di libertà.

      • TT said

        Il caso “Corona” è emblematico del Giustizialismo in Italia. Miei Assistiti devono riscuotere ingenti somme (40mila, 10mila, 15mila etc) dallo Stato perché dei Magistrati o comunque l’apparato Giustizia ha violato il diritto alla legittima durata del processo. E mentre quei Magistrati lo stipendio lo continuano a percepire puntualmente ogni mese, i miei Assistiti ancora aspettano dopo anni il risarcimento loro dovuto (alle volte sottostimato proprio da altri Magistrati).
        Le abitudini sessuali di Silvio Berlusconi sono state fotografate da stuoli di poliziotti e carabinieri che indagavano sulla frequenza delle sue festicciole (peraltro tristi baccanali con fanciulle aduse a tali situazioni) e puntualmente tali fotografie sono state pubblicate su tutti i giornali, rovinandone la carriera politica e modificando in qualche modo le sorti del Paese (in meglio? in peggio? chi può dirlo?).
        Fabrizio Corona ha fotografato legittimamente dei privati cittadini in luogo pubblico ed aveva tutto il diritto di utilizzare quelle fotografie vendendole ai giornali.
        E’ un reato non averle vendute ai giornali ma al soggetto fotografato? Vediamo.
        629. Estorsione
        Chiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno, è punito con la reclusione da cinque a dieci anni (2) e con la multa da euro 516 a euro 2.065.
        Siccome non pare che Corona abbia usato violenza, vediamo in cosa consiste una minaccia
        612. Minaccia
        Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa [c.p. 120; c.p.p. 336], con la multa fino a euro 51 .
        Sicché Corona ha minacciato qualcuno di un ingiusto danno? Quale? Che la moglie avrebbe lasciato il marito fedigrafo perché si era lasciato fotografare o perché era fedifrago?
        E se Corona le foto le avesse vendute direttamente alla moglie cornuta?
        A me tutto questo sembra molto ridicolo.
        Detto questo, le carceri sono sovraffollate ma soprattutto sono inutili e fanno schifo.
        Chi finisce in carcere, a parte casi così eclatanti, è in genere un povero Cristo che delinque per cultura o per assenza di cultura, molto spesso sono tossicodipendenti e in molti casi extracomunitari.
        La vita in carcere non è vita, non si fa nulla dalla mattina alla sera se non fissare il soffitto e trovare il modo di non farsi prevaricare dalla follia e sofferenza di turno e di non impazzire a propria volta.
        Non c’è granché modo di lavorare.
        Non c’è educazione alla legalità.
        Cosa fondamentale: non si aprono corsie preferenziali per il lavoro all’uscita dal carcere.
        Dopo qualche mese, chi esce dal carcere ci ritorna.
        Ma non soltanto non vi sono corsie preferenziali ma il fatto che si sia stati in carcere -magari per anni- ti priva anche della possibilità di fare il lavapiatti in nero, di lavare le scale in una cooperativa, di andare a fare l’apprendista muratore sia per pregiudizio e sia per la concreta constatazione che manca ogni minima capacità organizzativa, un regolare ritmo sonno-veglia etc etc.
        Gli educatori vorrebbero andare in carcere a spiegare la vita di Carlomagno a gente di 30-40 anni che pensa alla moglie o compagna fuori, sola e in difficoltà, magari con il rischio che qualcuno si approfitti della situazione: che gliene importa di Carlomagno?
        I pasti dei detenuti sono oltre il limite dell’umano: wurstel piccoli (2) e sottilette sono il menu dei giorni di festa. Cibo che non do nemmeno ai miei cani.
        Che amore e rispetto per la società possono sviluppare queste persone sfortunate?
        Mi si potrebbe obiettare che certo una società povera come la nostra non si può permettere le carceri d’oro… Be’, se si considera che ogni detenuto costa anche 4-500 euro al giorno ci si domanda se non sarebbe stato meglio corrispondere 10 euro al giorno ad ogni condannato se si fosse recato a scuola quotidianamente per tutto il tempo della pena e magari se non sarebbe meglio corrispondere una sovvenzione o una detrazione fiscale a chi assume detenuti.
        Corona non soffrirà la fame, ma patirà per la sua sovraesposizione mediatica e per il suo carattere infantile: lì dentro c’è la livella (di Totò).
        Fabrizio Corona per me è innocente o comunque lo è come la nostra società, cioè noi a partire da MAgistrati che non vanno mai nelle carceri ad effettuare i dovuti controlli periodici e i colloqui con i detenuti fino all’ultimo extracomunitario che ruba il pacco di biscotti al supermercato.
        Gente innocente nelle carceri ce ne capita, soltanto che il discrimen tra l’innocenza e la colpevolezza è il giudizio discrezionale del giudice che in materia penale è anche un po’ creatore di Diritto.

      • TT concordo e malgrado il nickname … credo di conoscere il difensore di quegli assistiti!

  3. blancfaces said

    Sono d’accordo con Marina: il fatto che ci sia chi meriterebbe il carcere più di Corona non toglie che se lo meriti anche lui… non fosse altro che per quella spocchia del tutto immotivata che sfoggia in ogni occasione.
    Ma il cuore vero del problema (ciò cui tutto il resto consegue) si può comprendere solo ragionando sul giustamente già citato sovraffollamento.
    C’è una ragione ben precisa per cui le carceri sono troppo affollate, ed è che i criminali sono troppi… il che significa che le leggi sono sbagliate; tanto quelle della fattispecie squisitamente giuridica quanto di quelle finanziarioeconomiche che tanto gravano sul bilancio pubblico.
    Ora, gorno per giorno, ognuno può constatare quanto sbagliata sia l’eurocrazia della moneta debito… mentre meno semplice è accorgersi che persino un ladro di polli può diventare un pesce grosso, se frequenta gli ambienti giusti. E meglio della galera forse c’è solo il parlamento italiano. Senza contare che l’aspetto prettamente “educativo” della galera è una mera utopia poiché in carcere si dovrebbe insegnare a rispettare il prossimo, ma questo è impossibile quando non si rispetta per primo l’allievo. Una volta estinto il suo personale debito pubblico, infatti, l’ex detenuto tornerà a rispettare le sole leggi del suo istinto animale: perché la sola “lezione” che la galera gli abbia insegnato è che il suo errore è stato quello di farsi acchiappare.

    • Ti ringrazio, innanzitutto, della lettura del mio post e del Tuo commento. Non bisogna, però, confondere la funzione rieducativa del carcere prevista dalla Costituzione con l’attuale situazione, di fatto, in cui versa il sistema penitenziario. Se il condannato uscisse ancora più inferocito questo sarebbe proprio il risultato dell’inefficienza dello Stato. Per il resto, ribadisco quanto avevo risposto a Marina: con la precisazione, ancora una volta, che non sto giustificando l’operato di Corona ma che nemmeno, nell’applicazione della legge o della pena, possa, secondo me, attribuirsi rilevanza alla faccia, allo stile di vita o, come Tu ritieni, alla “spocchia del tutto immotivata che sfoggia”. Capisco quello che vuoi dire e, in parte, condivido: stanno sul cavolo anche a me i soggetti che non sanno cosa significano i sacrifici e che esibiscono, in qualsiasi occasione, sensazione di onnipotenza. La legge si applica, però, esclusivamente, sui “fatti” commessi. Questa, ovviamente, la mia modesta (e ininfluente) opinione. Grazie. Saluti. Roberto.

  4. Alfredo Berra said

    Ciao Roberto … condivido di base il tuo concetto. Purtroppo, causa la confusione POLITICO/GIURIDICA voluta dai POTERI FORTI SI è creato questo sistema PIENO di CONTRADDIZIONI in cui le persone per bene come “NOI” non hanno nemmeno più il SENSO del GIUSTO.
    Per quanto riguarda Corona è giusto che paghi anche salatamente perche fa parte di una categoria di persone ARROGANTI che si meritano un’adeguata PUNIZIONE, ossia: una elevata condanna economica e costringerli ad effettuare gratuitamente lavori socialmente utili in modo che li colpisca proprio dovove loro soffrono di più … in questo modo perdipiù si abbatterebbe consistentemente il DEBITO PUBBLICO “la galera per questi arroganti è solamente un costo inutile come hai rimarcato giustamente tu”.
    Per quanto riguarda, invece, il MPS ti posso assicurare che sono talmente tutti infognati che alla fine nessuno pagherà o faranno finta di far pagare qualcuno a caro prezzo per salvarsi la faccia … come tu ben sai POLITICA e BANCHE viaggiano a braccetto ed il POTERE “spero per ora” lo hanno ancora loro!!! … A tal riguardo mi sia consentito un commento sulle elezioni: DOPO IL GOVERNO TECNICO CHE HA MESSO I CITTADINI KO ECONOMICAMENTE PER SALVARE LE BANCHE, DOPO AVER BECCATO ARRICCHITO TUTTA LA POLITICA E BECCATO POLITICI CON LE MANI NEL SACCO A RUBARE … DOPO CHE TUTTI I BIG, COME SE NON NE SAPESSERE NULLA, HANNO PROMESSO RINNOVAMENTO E PULIZIA … GIRA GIRA CI RITROVIAMO CON GLI STESSI CHE, AD ECCEZIONE DI QUALCHE NOME NUOVO, STANNO OCCUPANDO I POSTI SICURI … POVERO BEL PAESE!!!!

    • Caro Alfredo, condivido esattamente la Tua opinione. Anche per me sarebbe più indicato – se possibile- la condanna esclusivamente a pena pecuniaria salatissima e lavori socialmente utili; aggiungerei anche, per un certo periodo, l’obbligo di firma e il rientro a casa nelle ore non lavorative. Per il resto, ripeto quanto scritto anche sopra in risposta ai precedenti commenti dell’amica Marina e del gentile lettore. Un abbraccio

      • Alfredo BERRA said

        MI FA MOLTO PIACERE CHE SIAMO PERFETTAMENTE IN SINTONIA … DALTRONDE LE PERSONE PER BENE (SIANO ESSI POLITICI, MAGISTRATI, BANCHIERI, …. O PERSONE COMUNI) IN TUTTE LE COSE CHE FANNO USANO SEMPRE IL BUON SENSO)!!!

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: