IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Referendum, Renzi: "Sì rafforza Italia". Grillo: "Paese spaccato" 2 dicembre 2016
      Referendum, Renzi: "Sì rafforza Italia". Grillo: "Paese spaccato" Il presidente del Consiglio: “In 48 ore ci giochiamo il futuro dei prossimi 20 anni”. Delrio: “Se vince il No, credo che il premier si dimetterà”. Berlusconi: “Un No contro l’ex sindaco padrone dell'Italia". Salvini: “Voti inventati per il Sì all’estero” Parole ch […]
    • Referendum 4 dicembre: si o no 2 dicembre 2016
      Referendum 4 dicembre: si o no Dai costi al bicameralismo fino al rapporto tra Stato e Regioni, ecco alcuni degli argomenti sostenuti dai favorevoli e dai contrari al provvedimento.  Parole chiave: referendum costituzionale, referendum, referendum 2016, ragioni sì, ragioni no, referendum scheda […]
    • Referendum costituzionale, ecco tutti i risparmi della riforma 2 dicembre 2016
      Referendum costituzionale, ecco tutti i risparmi della riforma Tra le stime del Governo e i calcoli della Ragioneria dello Stato la proporzione è di circa 1 a 10. La quota maggiore deriverebbe dalle novità riguardanti il Senato Parole chiave: riforma costituzionale, costituzione, referendum, 4 dicembre, risparmi referendum scheda […]
    • Stop al diesel entro il 2025: l'annuncio di quattro metropoli 2 dicembre 2016
      Stop al diesel entro il 2025: l'annuncio di quattro metropoli L’impegno da parte di Parigi, Città del Messico, Madrid e Atene è stato preso durante il vertice C40 che riunisce tutte le metropoli impegnate nella battaglia per l’ambiente e la riduzione delle emissioni di gas serra Parole chiave: inquinamento atmosferico, diesel, abolizione diesel, futuro […]
    • Delitto Caccia, il gip dispone che il presunto killer resti in carcere 2 dicembre 2016
      Delitto Caccia, il gip dispone che il presunto killer resti in carcere Per un errore procedurale, Rocco Schirripa, il panettiere accusato di essere stato nel 1983 l’esecutore dell'omicidio del procuratore di Torino aveva ottenuto un’ordinanza di scarcerazione, poi bloccata. Secondo i pm “esiste un pericolo di fuga grazie ad appoggi in Spagna”  Parole ch […]
    • Referendum, fiducia al governo: le novità della riforma costituzionale 2 dicembre 2016
      Referendum, fiducia al governo: le novità della riforma costituzionale Il governo chiederebbe la fiducia per il suo insediamento solo alla Camera dei deputati. E' una delle conseguenze della fine del cosiddetto bicameralismo perfetto Parole chiave: referendum scheda, fiducia, Referendum Costituzionale, senato BICAMERALISMO […]
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.737 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Abbonati

  • Contatore visite

    • 68,017 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012

Il banchiere indagato parla al telefono con il Procuratore? Anche io vorrei pensare che “non è possibile”. Dal sito di Panorama

Posted by Roberto Di Napoli su 20 novembre 2013

Chi difende le vittime di usura bancaria sa quanto sia difficile, a volte, ottenere la condanna e la punizione dei responsabili pur quando, sotto il profilo oggettivo, si sia riscontrata l’illiceità del “fatto”. Ci sono stati provvedimenti assolutori discutibili, ritenuti, anche da alcuni autorevoli magistrati, troppo “indulgenti” e in contrasto rispetto alla ratio della l.108/96 che, modificando la previgente formulazione della fattispecie del reato di usura, ha introdotto il “meccanismo” dei cd. tassi soglia (superati i quali non ci sarebbero dovuti essere dubbi in merito all’usurarietà). In alcuni casi, pur essendo emerso dalle indagini il superamento del tasso massimo consentito, i responsabili denunciati sono stati prosciolti con motivazione fondata sulla ritenuta mancanza di prova in merito alla sussistenza del dolo: ciò anche a causa del possibile errore indotto da alcune equivoche circolari della Banca d’Italia.

Da cittadino, oltre che da difensore, volendo continuare a credere nella massima imparzialità di chi giudica, preferirei sempre un’autentica motivazione fondata esclusivamente sulla legge o sulla sua prevalente interpretazione, senza avere motivi per potere lontanamente sospettare che la decisione sia dettata da altri fattori “estrinseci” alla legge.  Mi è già capitato di vedere (oltre che un processo pendente da quasi 18 anni nel quale si erano, addirittura, prosciolti gli imputati malgrado il tasso, accertato dalla Procura, del 292% e soddisfatte le loro pretese; proscioglimento, poi, annullato dalla Cassazione) una consulenza contabile disposta dal PM ed effettuata da un consulente risultato, poi, essere anche socio della banca denunciata (dichiarata, poi, inattendibile da un attento GIP che, successivamente, ha disposto anche l’imputazione coatta del direttore generale: provvedimento sfociato nel rinvio a giudizio per usura; clicca qui per leggere il post su questo caso di usura bancaria).

La lettura dell’articolo sull’ultimo numero di Panorama (n. 48/2013) credo che rattristi le vittime degli abusi bancari (oltre che i cittadini) che, confortate, per fortuna, dalle severe decisioni di quei giudici (civili e penali) che appaiono e si dimostrano insensibili a qualunque “potere” se non a quello della Legge e della Verità, devono sempre continuare a credere nell’imparzialità dei magistrati.  Per me, la circostanza che un Procuratore parli al telefono con il banchiere indagato o lo riceva personalmente (soprattutto se in assenza della persona offesa) dando informazioni in merito al procedimento in cui è coinvolto è incompatibile con l’immagine di serietà e terzietà di cui ogni giudice deve godere affinchè non vi sia alcun cittadino che possa avere una valida ragione per potere pur solo dubitare sulla sua correttezza. Potrà non essere un reato e non essere rilevante disciplinarmente ma, così come è intitolato l’articolo sulla versione cartacea di Panorama, anche a me verrebbe da dire: “Procuratore, ci dica che non è possibile!

Riporto di seguito il link dell’articolo sull’edizione web di Panorama: Le telefonate fra il procuratore di Palermo, Francesco Messineo, e il banchiere indagato – Panorama.

Una Risposta to “Il banchiere indagato parla al telefono con il Procuratore? Anche io vorrei pensare che “non è possibile”. Dal sito di Panorama”

  1. Massimiliano Massullo said

    questo spiega il motivo di tante, troppe archiviazioni…

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: