IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • RSS News SkyTG24

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.748 follower

  • RSS Le news da Altalex.com

  • Banner

  • Contatore visite

    • 88.947 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Annunci
  • Traduci nella tua lingua

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • Vedi gli altri argomenti

  • Cerca per parole

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • STUDIO LEGALE

  • Cerca i post per data

  • …… o su Twitter

  • Meta

La banca notifica precetto ma non fornisce prova sufficiente avverso le eccezioni proposte. Il giudice sospende l’efficacia esecutiva del mutuo

Posted by Roberto Di Napoli su 8 settembre 2018

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post

Il Tribunale di Trapani, con ordinanza del 3 aprile 2018 resa in un giudizio di opposizione a precetto, ha sospeso l’efficacia esecutiva di un contratto di mutuo affermando la necessità di espletare l’attività istruttoria resasi necessaria dalle eccezioni sollevate dagli opponenti stante l’omessa produzione da parte della banca del titolo esecutivo e del rispettivo piano di ammortamento.

Il caso: A fine settembre 2017, la banca, vantandosi creditrice di circa 300 mila euro nei confronti di un’impresa, notificava (anche a due soci, ritenendoli datori di ipoteca) un atto di precetto fondato su contratto di mutuo. La società mutuataria ed i suoi soci, difesi da me e dal collega avv. Daniele Rossi, proponevano opposizione eccependo diversi e gravi vizi, comprovati anche da consulenza tecnica di parte effettuata dal dott. Roberto Fede (consulente iscritto all’albo di Trapani) sia con riferimento al rapporto di mutuo -tra cui, in particolare, la usurarietà degli interessi convenuti e applicati e, comunque, l’usurarietà del costo complessivo della operazione di mutuo; la violazione della normativa riguardante l’ISC -Indicatore Sintetico di Costo; la nullità della clausola sul tasso di interesse corrispettivo stante anche dell’adozione di un piano di ammortamento alla francese e la determinazione attraverso il riferimento ad un parametro non univoco, né certo e né determinato da un organo terzo ed imparziale e, comunque, accertato come falsificato, quale è l’Euribor- sia con riferimento ad ulteriori e diversi rapporti di conto corrente con apertura di credito e conto anticipi oggetto di domande riconvenzionali spiegate dagli opponenti: si rilevava, in particolare, la pretesa e l’applicazione di interessi usurari e ultralegali non dovuti, spese e commissioni non dovute e la illegittima capitalizzazione trimestrale applicata dalla banca.

L’ordinanza – All’esito della prima udienza del 3 aprile 2018, il Giudice ha emesso l’ordinanza con la quale, attesa la fondatezza delle deduzioni avanzate da parte degli opponenti (difesi da me e dal collega Avv. Daniele Rossi, grazie anche alla collaborazione all’udienza dell’Avv. Apollonia Fodale) ha sospeso l’efficacia esecutiva del titolo azionato (contratto di mutuo), ritenendo, in particolare, “che la fondatezza delle eccezioni sollevate dovrà essere valutata appieno a seguito dell’espletanda attività istruttoria, tenuto conto, peraltro, che la mancata produzione da parte convenuta (che ne era onerata, rivestendo dal punto di vista sostanziale la qualità di creditrice) del titolo esecutivo azionato e del relativo piano di ammortamento, impedisce una preliminare prognosi -ancorchè limitata al piano del fumus boni iuris- della bontà delle ragioni di opposizione avanzate; considerato, in ultima analisi, che in considerazione della complessità delle questioni sollevate con gli articolati motivi di opposizione, e del consistente ammontare del credito azionato, devono ritenersi sussistere i gravi motivi di cui all’art. 615 c.p.c. primo comma; P.Q.M. sospende provvisoriamente l’efficacia esecutiva del titolo”.

L’ordinanza è pubblicata sul sito della rivista telematica ilcaso.it (cliccare qui per leggere il testo integrale del provvedimento)

Annunci

Tu che ne pensi? Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: