IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • Dal sito Foroeuropeo: video seminario del 14 maggio 2019

  • RSS Da Il Sole 24 Ore

  • RSS Le news da Altalex.com

  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.765 follower

  • Banner

  • Contatore visite

    • 97.093 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Seguimi sui social

  • Traduci nella tua lingua

  • Cerca per parole

  • Cerca i post per data

  • Vedi gli altri argomenti

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • STUDIO LEGALE

  • Articoli Recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • …… o su Twitter

  • Meta

Archive for the ‘ineleggibilità’ Category

Un servizio di Panorama su Renzi e i “mutui agevolati” per la casa dei genitori……. mentre il “cittadino qualunque” o l’imprenditore non riesce ad ottenere credito o deve difendesi da quelli usurari.

Posted by Roberto Di Napoli su 12 ottobre 2014

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post.

Dopo avere letto il servizio di cui indico il link -pubblicato anche, da oltre una settimana, sulla versione cartacea di Panorama- non riuscendo più a stupirmi per quanto accade in questo Paese sempre più singolare -e che appare, a volte, indifferente se non cinico verso i cittadini- per i privilegi di cui godono varie caste tra cui quella dei politici, sono rimasto, ancora una volta, senza parole e con una sensazione di rabbia e indignazione.

Quanti sono i “comuni mortali” che sognano la possibilità di avere un pur piccolo finanziamento o mutuo per l’acquisto di un’abitazione o quanti si trovano a doversi difendere la casa o i propri beni da mutui nulli o usurari o da altre indebite pretese di banche? Quanto è lungo l’elenco di cittadini onesti che, negli ultimi tre anni, nel vile silenzio e indifferenza dei sedicenti politici e delle Istituzioni si sono suicidati per difficoltà economiche o per essere finiti in tali difficoltà per “cause non a loro imputabili”Il sig. Renzi, “catapultato” dalla poltrona di sindaco di Firenze a Presidente del Consiglio dei Ministri senza, tra l’altro, mai essere stato eletto parlamentare, quando parla di sacrifici e di lotta ai privilegi, ha la minima consapevolezza delle difficoltà e dei drammi che quotidianamente affrontano i cittadini, dei mutui negati ad imprenditori coi quali si potrebbero, piuttosto, rilanciare le imprese con indubbi benefici per l’economia nazionale e per tutti i cittadini-contribuenti? Sempre che i fatti riportati dal settimanale corrispondano al vero (come, in mancanza di smentita, credo si possa ritenere), quando, il mese scorso, è stato varato il decreto legge (n. 132/2014) di riforma di alcune norme del codice di procedura civile (riforme, a mio modesto avviso, del tutto inefficienti ai fini della celerità dei processi) quali, ad esempio, quella attraverso cui (modificandosi ulteriormente l’art. 560, terzo comma, c.p.c.)  si vorrebbe che, già al momento dell’ordinanza di vendita, sia disposta anche la liberazione dell’immobile (malgrado l’evidente inutilità di buttare in mezzo alla strada chi ci abita prima ancora che il bene sia venduto; apprezzo, intanto, l’approvazione, in Senato, dell’emendamento firmato dal senatore Maurizio Buccarella, M5S), il sig. Renzi -volendosi dare per pacifico che abbia letto e compreso la norma- ha pensato ai sacrifici dei cittadini, a chi si possa trovare soggetto esecutato magari anche ingiustamente, o ha pensato che sia davvero così facile trovare mutui milionari con ipoteca, magari, anche di secondo grado su immobili di valore inferiore al capitale? Credo che il servizio di Panorama susciti a chiunque queste domande e credo che un Presidente del Consiglio dei Ministri -soprattutto se non ha ricevuto un “personale apprezzamento” da parte dei cittadini mediante elezioni- dovrebbe avere il coraggio di dare spiegazioni valide.

Cliccare sul seguente link per leggere il servizio dedicato da Panorama: Renzi, i “mutui agevolati” per la casa dei genitori | Panorama.

Posted in caste, conflitti interessi, fainotizia, indifferenti, ineleggibilità, intrecci, paese dei balocchi, porcate, sospensione esecuzione vittime u, stato di diritto, storie semplici | Contrassegnato da tag: , | 2 Comments »

L’esclusione di Rodotà un’occasione persa per la riaffermazione del primato dei diritti della persona

Posted by Roberto Di Napoli su 20 aprile 2013

S/W Ver: 85.9B.C0RCredo che la nomina del Prof. Rodotà a Capo dello Stato, soprattutto in questo periodo storico nel quale i cittadini, gli imprenditori e lavoratori onesti si sentono abbandonati, avrebbe davvero rappresentato la tutela e la difesa di quei diritti fondamentali della persona che, invece, contrariamente a quanto sancito dalla  Costituzione, dai trattati dell’Unione Europea e dalla Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo sembrano essere divenuti secondari rispetto alle ragioni della finanza e dei mercati. Richiedere la disponibilità per un secondo mandato a Napolitano (quasi novantenne che, tra l’altro, non credo possa costituire esempio di “stabilità” per il prossimo settennato), prima volta nella storia repubblicana di rielezione del Capo dello Stato uscente, conferma, secondo me, che si è raggiunto il massimo di incapacità dei politici, prigionieri dello stesso sistema elettorale da loro “inventato”. Hanno dimostrato di essere capaci solo di difendere i loro privilegi, di prendere in giro la gente e di parlare a vanvera pur di restare a galla. Accettando, poi, la condizione (per non utilizzare un altro vocabolo) di Amato premier stanno dimostrando di accettare pure il rischio di mettere il Paese, i cittadini onesti che non prendono 30 mila euro di pensione al mese, in ginocchio per sempre. A questo punto, anche se lo ritengo scandaloso visti i costi che comportano, ogni volta, le votazioni, spero che si torni di nuovo alle urne per un’ulteriore “pulizia”.

Posted in diritti umani, Elezione, fainotizia, indifferenti, ineleggibilità, paese dei balocchi, Presidente della Repubblica, vittime | Contrassegnato da tag: , , | 4 Comments »

Il ministro partecipa all’assemblea della società sua e dei fratelli e compra un altro albergo? E che fine hanno fatto tutti quelli che protestavano e scendevano in piazza contro Berlusconi e i conflitti di interesse?

Posted by Roberto Di Napoli su 24 ottobre 2012

L’anno scorso, all’indomani della nascita del Governo Monti, molti si domandavano se non ci fossero conflitti di interesse col mondo bancario considerate le cariche ricoperte, in passato o fino al giorno prima, da molti ministri. Ricordo che ad una puntata di Porta a Porta, Passera, apparendo quasi stupito o infastidito, fece capire l’infondatezza di qualsivoglia dubbio in merito a potenziali conflitti di interesse essendo stato amministratore delegato di Intesa SanPaolo. Mi pare che rispose di avere venduto le azioni e che, comunque, …… aveva giurato (ricordo che sorrisi nel sentire una tale giustificazione; per questo principio, quindi, è sufficiente che un ministro abbia giurato per godere di un “dogma” sulla sua infallibilità e santità).

Dopo un anno, leggo l’articolo di Italia Oggi sulla partecipazione del ministro dell’economia e sviluppo all’assemblea della società di cui detiene il 33% delle azioni e che compra un altro albergo (cliccare qui per leggere l’articolo “Gli alberghi dei Passera passano da due a tre”). Mi domando: cosa ne pensano tutti i “moralisti” che, fino a ieri, non facevano altro che protestare contro i conflitti di interesse di Berlusconi? Non scendono più in piazza? Hanno perso la parola? Sarebbero questi i “tecnici e salvatori della patria”? Come diceva Totò ….. “ma mi faccia il piacere”!

Posted in affari e affaristi, crisi, fainotizia, indifferenti, ineleggibilità, informazione, intrecci, paese dei balocchi, porcate, stato di diritto, stato sociale | 4 Comments »

A festeggiare l’Unità d’Italia anche chi ogni giorno la distrugge. Politici uniti anche dall’ignoranza e presunzione?

Posted by Roberto Di Napoli su 18 marzo 2011

Che in ogni Paese sono festeggiati o, quantomeno, ricordati anniversari importanti per la nascita dello Stato posso capirlo. E' storia. Che, invece, la gente capace di intendere e di volere sia, davvero, tutta, contenta ed euforica a tal punto da festeggiare di vivere in un Paese come il nostro, ne dubito. Personalmente, al di là dell'anniversario storico, non so in che cosa, oggi, questo Paese possa considerarsi unito; se tutti i cittadini davvero riflettessero attentamente sulle condizioni nelle quali ci troviamo, sia economiche sia politiche sia di effettiva tutela dei diritti fondamentali della persona, credo che sarebbero ben pochi quelli con la voglia di festeggiare. Al massimo, resterebbe la voglia di approfittare della festività ….. “per andare al mare” o per rilassarsi o …. per dimenticare.

Come si fa, d'altronde, ad essere fieri di questo Paese finché a rappresentarlo ci sono personaggi che leggono “solennemente” discorsi “vuoti”, formali e che, in concreto, nel corso dell'intera legislatura o dell'attività di governo o nell'amministrazione del Paese, nulla fanno per il benessere di tutti i cittadini tutelando, invece, sempre i più forti? Si potrebbero fare milioni di esempi ma penso che un'ulteriore sintesi abbastanza eloquente e significativa dello stato d'animo, della “cultura”, del “senso dello Stato” di chi ci rappresenta può trarsi vedendo ed ascoltando il servizio de “Le Iene” andato in onda lo scorso 16 Marzo (può essere visto dal sito ufficiale Mediaset; riporto il link cliccando qui).

Festa nazionale, insomma: tricolore appeso fuori "il Palazzo" ma, probabilmente, chi lo appende non sa nemmeno il motivo.

Che nessuno dei politici intervistati da "Le iene" sapesse cosa accadde il 17 Marzo 1861, in realtà, non mi meraviglia.

Ricordo, d'altronde, quanto scritto in un bel libro, “Il cittadino scomodo”, scritto oltre trent'anni fa, nel quale l'autore, Alberto Bertuzzi, -parlamentare eletto, all'epoca, tra i radicali- racconta di avere più volte “convocato” ministri e parlamentari recandosi, spesso, nel loro ufficio e ponendo loro alcune domande che, banali, forse, per un qualsiasi studente di scuola media, risultavano difficili o senza risposta da parte degli autorevoli politici. Alcuni non sapevano di quanti articoli fosse composta la Costituzione, altri continuavano ad utilizzare la carta intestata del Parlamento pure dopo la fine della legislatura.

Oggi, basta leggere i giornali o internet. Credo che ai cittadini si lascia il “non manifestamente infondato o irrazionale sospetto” che i temi preminenti e quotidiani del dibattito politico non corrispondano alle reali ed effettive esigenze della collettività o, comunque, non siano da queste determinati. Oggi il dibattito politico sembra vertere prevalentemente su escort (termine più nobile o più chic, forse, di mignotte o prostitute), su case (loro) o su scambi di poltrone o su riforme che appaiono ben poco efficaci per garantire a tutti una “giustizia giusta” e uno Stato davvero civile.

Penso, quindi, che le persone meno adatte a presenziare o festeggiare l'unità d'Italia siano proprio coloro i quali l'hanno distrutta o che contribuiscono ogni giorno a frantumare questo Paese offendendo i cittadini onesti!

Farebbero bene, piuttosto, a leggere almeno i discorsi (ma sarebbe già tanto se leggessero qualche minimo loro pensiero) dei padri costituenti, di Calamandrei, di Pertini, di Moro, di Vassalli o, comunque, di chi ha realmente combattuto per la patria e per costruire uno Stato che, se fossero vivi, di certo, non sarebbe questo nel quale siamo costretti a vivere.
Sono certo che molti guarirebbero dalla presunzione, arroganza e ignoranza di cui sembrano “malati cronici” e conserverebbero un maggiore rispetto dei cittadini di cui -dovrebbero ricordare- devono essere onorati di essere i servitori e non i padroni
. Roberto Di Napoli

Inserisco di seguito, quale uno dei tanti esempi di ben diverso contenuto, eleganza, stile e concretezza rispetto ai formali e inutili -quando non volgari- discorsi cui oggi siamo, purtroppo, abituati, il discorso di giuramento di Sandro Pertini appena eletto Presidente della Repubblica (dalla registrazione sul sito di Radio Radicale ma presente anche su Youtube; consiglio di ascoltarlo con le cuffie essendo il volume dell'audio un pò basso).
http://www.radioradicale.it/misc/scheda_av_badge_small.swf?path=http://www.radioradicale.it/scheda/flash/183878

Le riforme ……. Bisogna, cioè, che la Repubblica sia giusta e incorrotta, forte e umana; forte con tutti i colpevoli, umana coi deboli e diseredati; così l'hanno voluta coloro che la conquistarono dopo vent'anni di lotta contro il fascismo”.
 

Posted in degrado pubblica amministrazione, eroi, esaltati, fainotizia, giustizia giusta, idioti, indifferenti, ineleggibilità, informazione, lotta alla mafia, mafie, malagiustizia, malasanità, paese dei balocchi, radicali, responsabilità magistrati, stato di diritto, stato sociale, unità ditalia, welfare | Leave a Comment »

Parlami d’usura (bancaria), buffone!

Posted by Roberto Di Napoli su 2 marzo 2008

E’ incredibile! Fino a poco tempo fa avevo la convinzione che alcune vicende paradossali in materia di usura e, soprattutto, di quella bancaria si verificassero soltanto in alcuni centri periferici. Credevo che in alcune regioni economicamente più sviluppate (e, a maggior ragione, in quelle dove più numerose sono le industrie e, altrettante, sono state, nell’ultimo decennio, le sentenze contrarie ad alcune "prassi" bancarie), alcune "alchimie" contabili fossero più conosciute e i responsabili puniti più severamente. E, invece, no! Mi è crollato il "mito" di una parte d’Italia ancora "sana" e con un’economia "pulita". Associavo, evidentemente, la presenza di imprese apparentemente floride con la mia ignoranza, in alcune regioni, di "scandali" giudiziari e dell’esistenza, anche lì, dell’estorsione e dell’usura bancaria. Ho conosciuto una straordinaria e bellissima famiglia di Udine che mi onora di amicizia ed affetto e i cui beni, come capitato alla mia famiglia, sono stati toccati dai tentacoli della piovra bancaria e di chi, spesso, la agevola con colpevoli e, forse, interessate omissioni. Leggo, spesso, le affettuose email e i post degli amici di Savona, anch’essi, vittime di ordinaria ingiustizia. Mi ha sconvolto, poi, la storia di Antonella, la giovane, sveglia e intelligentissima architetto di Fermo, vittima di follie che, da quanto mi ha dato modo di capire, piuttosto che essere tutelata, è stata ingiustamente offesa nella dignità della persona (oltre che nella perdita della sua abitazione). A Modena, un’imprenditrice è stata dichiarata fallita nonostante avesse ottenuto la sospensione prevista dall’art. 20 l. 44/99. Emidio, imprenditore di Ascoli Piceno, poi, è stato vittima, come la mia famiglia e come chissà quanti altri, dell’usura ma anche "dell’antiusura" visto che ha dovuto, anche lui, instaurare un giudizio affinchè gli venisse riconosciuto (dal Consiglio di Stato) lo status di usurato bancario e, dunque, il diritto agli stessi benefici previsti per la vittima di usura criminale. Sono stato a Brescia, giorni fa, dove un altro imprenditore è oggetto di richieste di somme non dovute da parte di varie banche e dove, però, a dire il vero, mi pare che i giudici siano molto attenti a tali problematiche dimostrando grande senso di equilibrio. A Milano, come mi è dato di capire leggendo Libero Mercato del 29 Febbraio u.s., un famoso P.M. ha incentivato a denunciare alcune banche. Una signora del Trentino, proprio oggi, mi ha scritto di analoghe vicende di ingiuste pretese da parte di un istituto di credito. A Marsala Ragusa altri imprenditori non dormono la notte per i pensieri dovuti ad analoghe vicende. Pur avendo visto da vicino, anche nella mia famiglia, singolari provvedimenti giudiziari per i quali mi risparmio ogni commento lasciandolo al giudizio dell’opinione pubblica e degli altri giudici (visto che ci sono varie azioni pendenti), devo riconoscere, però, la presenza di tantissimi magistrati preparati, equilibrati ed onesti che, quasi quotidianamente, condannano gli ingiusti comportamenti delle banche e, addirittura, di alcuni loro colleghi. Non sento una voce, però: quella dei politici! Mi farebbe piacere sentire, prima della chiusura delle liste elettorali o nel corso della prossima campagna elettorale, qualche politico (o aspirante tale) che, prendendo atto delle migliaia di persone vittime di usura bancaria e dei provvedimenti (ormai numerosi) che hanno riconosciuto espressamente, senza vergogna, che anche alcune banche hanno commesso il reato di usura (e le vittime devono essere tutelate), dica ai cittadini elettori in che modo intenda essere vicino (oltre che chiedendo il voto); quale disegno di legge intenda presentare per impedire che si ripetano scandali analoghi a quelli di cui sono state vittime varie persone con le loro famiglie (il candidato parlamentare dovrà, soltanto, stare seduto dieci minuti davanti al pc connesso a internet : i soldi per la connessione, tanto, gli verranno rimborsati!);  per impedire, ad esempio, che rappresentanti di istituti di credito possano -una volta iscritti sul registro degli indagati in seguito ad una denuncia che si riveli non manifestamente infondata- oltre che circolare liberamente nel territorio italiano e continuare a percepire lo stipendio milionario, buttare fuori di casa, spacciandosi per creditori in base a titoli invalidi, quei cittadini o imprenditori che li hanno denunciati ma che, a causa della lunghezza dei processi, solo con notevole ritardo ottengono il riconoscimento delle loro ragioni. Ho una sensazione, però: che nessun candidato si permetterà mai di parlare di usura bancaria nè si adopererà seriamente per riforme serie ed efficaci! Perchè ho quest’impressione? Perchè ho letto su un importante quotidiano economico finanziario (ma già lo sapevo) l’indebitamento di vari partiti politici. Può darsi che ho capito male: anzi, lo spero! Desidererei una cosa, però, in ogni caso: che nessun cittadino, nessun funzionario, nessun burocrate, nessun politico il quale abbia, in passato, avuto la possibilità, in qualsiasi modo, (sia esso stato giudice, funzionario statale, prefetto, consigliere di amministrazione di una banca, sindaco, bancario, ecc.) di contrastare il fenomeno ed evitare il pianto di tante vittime, si permetta di candidarsi o di considerarsi "rappresentante" dei cittadini. Si consideri, eventualmente, rappresentante del sistema bancario e ringrazi l’attuale sistema elettorale (non la propria faccia o la professionalità che non ha dimostrato) se dovesse venire eletto! Un consiglio da cittadino- vittima, poi: se dovesse "parlare" in qualche comizio o incontro coi cittadini- elettori, non li illuda! Parli, magari, dell’usura bancaria e cerchi di non fare promesse da marinaio (o da vecchio burocrate) perchè potrebbe arrossire o trovarsi in difficoltà se, per caso, qualche cittadino deluso o qualche vittima, dopo avere raccolto le "figuracce" fatte in precedenza da quell’aspirante politico, le "colpevoli omissioni" ai danni di tante imprese o famiglie e dopo, magari, avere letto qualche recente sentenza, con coraggio, spiegando i motivi (e magari documentandoli), assumendosi, ovviamente, le proprie responsabilità, gli dovesse gridare: "Parlami d’usura bancaria, buffone! E dimmi cosa hai fatto finora e perchè non hai fatto ciò che avevi l’obbligo di fare!" Roberto Di Napoli

Posted in anatocismo, auguri alle vittime, banche, caste, collusioni, comitato solidarietà vittime us, conflitti interessi, degrado pubblica amministrazione, elezioni 2008, esaltati, estorsione, indifferenti, ineleggibilità, intrecci, lotta alla mafia, mafie, malagiustizia, paese dei balocchi, pazzi, racket, solidarietà, storie semplici, usura, vittime | 4 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: