IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • Dal sito Foroeuropeo: video seminario del 14 maggio 2019

  • RSS Da Il Sole 24 Ore

    • Scritte sul muro della scuola? Il writer rischia sei mesi di reclusione 19 novembre 2019
      La depenalizzazione del 2016 non riguarda il reato di imbrattamento di edifici pubblici e privati.  Per gli amanti dello spray le pene salgono a un anno se oggetto della loro attenzione è un immobile di interesse storico
    • Il primo open day di Tar e Consiglio di Stato per raccontarsi ai cittadini 16 novembre 2019
      Sanità, ambiente e scuola: questi i tre temi su cui ci si concentrerà per far capire a studenti, imprese e cittadini quali materie tratta il giudici amministrativo e come si svolge un processo
    • Monopattini, niente maximulte: non saranno equiparati ai ciclomotori 16 novembre 2019
      Dopo il clamore per le multe fino a 6mila euro comminate dai vigili di Torino a chi circolava con monopattini elettrici, il ministero dell’Interno sta studiando una circolare che freni gli eccessi. Si vuole escludere l’equiparazione ai ciclomotori, limitandosi a considerare i trasgressori come i pedoni che vanno sull’asfalto con i pattini. Quindi, multe di s […]
    • Monopattini, come interpretare la nuova segnaletica 15 novembre 2019
      Chi arriva nelle grandi città inizia a trovare “strani” segnali stradali. Sono quelli che avvisano della possibilità di incontrare monopattini e altri mezzi di micromobilità elettrica, la cui effettiva legalizzazione sta per avvenire anche nei grandi centri. Ecco come interpretare la segnaletica
    • Facebook, il consenso alla pubblicazione delle foto si può sempre revocare 14 novembre 2019
      Il Tribunale di Bari ha stabilito che la persona ritratta può sempre cambiare idea, indipendentemente dalla liberatoria sottoscritta. E la richiesta di cancellazione deve essere esaudita
  • RSS Le news da Altalex.com

  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.769 follower

  • Banner

  • Contatore visite

    • 98.737 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Seguimi sui social

  • Traduci nella tua lingua

  • Cerca per parole

  • Cerca i post per data

  • Vedi gli altri argomenti

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • STUDIO LEGALE

  • Articoli recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • …… o su Twitter

  • Meta

Archive for the ‘pazzi’ Category

Da Repubblica.it: Usa, Monsanto condannata a risarcire 289 milioni di dollari a malato di cancro

Posted by Roberto Di Napoli su 11 agosto 2018

Per il giudice di San Francisco l’azienda ha omesso di segnalare la pericolosità del prodotto contenente glifosato usato dal giardiniere. I legali: “Faremo ricorso”
— Leggi su www.repubblica.it/esteri/2018/08/11/news/usa_monsanto_condannata_a_risarcire_290_milioni_di_dollari_a_malato_di_cancro-203856420/

Posted in Diritto dei consumatori, informazione, pazzi, Uncategorized, vittime | Leave a Comment »

Si può continuare a chiamare “Parco della legalità” un parco sorto su un bene illegittimamente confiscato?

Posted by Roberto Di Napoli su 19 novembre 2010

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post

La demolizione degli “ecomostri” non può che fare rallegrare i cittadini che, tuttavia, credo, sarebbero ben più felici se simili scempi fossero impediti “sin dalle fondamenta”, dal momento dello scavo o della posa della prima pietra. E, invece, quante costruzioni “mostruose” o quanto cemento deturpa il paesaggio nel silenzio omertoso o compiacente di chi dovrebbe impedirle o distruggerle? La scorsa estate il sito del Corriere della Sera ha dedicato un’ interessante rubrica con raccolta di foto inviate dai lettori e relative a spiagge sottratte ingiustamente o deturpate (cliccare qui per vedere le foto raccolte sul sito). E’ emerso un Paese sempre più vergognoso: cemento armato o ruspe sulla spiaggia, recinzioni arruginite che separano, addirittura, il mare per costringere i bagnanti a pagare il biglietto o costruzioni quasi sulla riva.

Non entro nel merito della vicenda “Punta Perotti“, il complesso edilizio sul lungomare di Bari demolito pochi anni fa: anche perchè non conosco gli atti della complessa vicenda processuale.

Una domanda, però, da cittadino indignato per gli abusi edilizi nella stessa misura di quanto lo sono per gli “scempi giudiziari” o dei paradossi italiani me la sono fatta quando ho letto, mesi fa, su una rivista giuridica, la decisione della Corte Europea dei diritti dell’Uomo (sentenza del 20 Gennaio 2009). La confisca del suolo -anche in virtù del fatto che gli imputati erano stati assolti e che la sanzione penale della confisca nemmeno era chiaramente prevista dalla legge- è stata ritenuta sproporzionata e riconosciuta una lesione al diritto di proprietà riconosciuto come fondamentale dalla Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali (precisamente: art. 1 del Protocollo addizionale alla Convenzione).

Giorni fa, su tutti gli organi di informazione (cliccare qui per leggere quanto riportato su Il Corriere del Mezzogiorno), è stata riportata la notizia che il GUP del Tribunale di Bari ha revocato la confisca. Nel frattempo, su quel suolo ove prima sorgevano i palazzi, poi, demoliti, è sorto il “Parco della Legalità“: nome bellissimo, straordinario, fantastico. Anzi: farebbe venire in mente un Paese immaginario, una specie di Utopia, un Paese civile estraneo alla retorica, non inquinato dalle gesta tutt’altro che eroiche o dalle belle parole di tanti politici e, davvero, attento alla legalità e alla prevenzione, al di là delle chiacchere, spesso, provenienti proprio da quei soggetti che avrebbero ogni potere ed obbligo per tutelare i cittadini.

Ma ora mi chiedo: premesso che gli abusi edilizi devono essere contrastati ed, anzi, ancor prima, previsti ed impediti; senza volere entrare nel merito della vicenda Punta Perotti ma non potendosi ignorare che il massimo organo comunitario ha riconosciuto la lesione ad un diritto fondamentale dell’Uomo, può in uno Stato di diritto continuare a chiamarsi “Parco della Legalità” un parco sorto su un suolo illegittimamente sottratto a tal punto che la confisca è stata riconosciuta eccessiva dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo?

E se un bambino portato a giocare chiedesse perchè si chiama così quel parco? Si può rispondere: “perchè il parco è stato confiscato illegittimamente al proprietario e lo Stato, il Comune, ha deciso di chiamarlo così”? Penso che non gli si darebbe un gran contributo allo sviluppo della logica e del ragionamento.

Perchè non si dedica quel parco o una piazza o via di Bari alle “alla legalità e alle vittime della malagiustizia“? Pericolo di ledere il dogma “dell’infallibilità dei magistrati“?

Riporto quanto ho pubblicato, giorni fa, su facebook, a tal proposito dopo aver “linkato” la notizia sulla restituzione dei beni ai Matarrese appresa dal Corriere del Mezzogiorno: “Prescindo dal merito, ossia, dalla necessaria tutela del paesaggio ma mi chiedo: si può continuare a chiamare “Parco della legalità” un parco sorto su terreni la cui confisca è stata riconosciuta ingiusta ed eccessiva dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo? Propongo al sindaco di Bari o ai legittimi proprietari: perchè non si dedica quel parco o una piazza o via di Bari alle “vittime della malagiustizia”? Pericolo di ledere il dogma “dell’infallibilità dei magistrati”? Roberto Di Napoli

Posted in ambiente, collusioni, degrado pubblica amministrazione, fainotizia, paese dei balocchi, pazzi, porcate, stato di diritto, stato sociale, welfare | Leave a Comment »

Un corto “Come si deve” sull’estremo gesto di umanità al condannato a morte: il suo ultimo pasto

Posted by Roberto Di Napoli su 12 febbraio 2010

cop comeHo visto, in “anteprima assoluta”, “Come si deve”, il bel cortometraggio del mio amico regista, Davide Minnella, che sarà proiettato il prossimo 14 Febbraio al 60° Festival del Cinema di Berlino.

Un corto che, probabilmente, farà riflettere, visto il tema di attualità in un Paese dove, spesso, si discute della condizione dei detenuti nelle carceri (basti pensare al numero di suicidi, quest’anno, in Italia) e che dovrebbe far meditare pensando, soprattutto, a quei Paesi, ancora più incivili, dove vige la pena di morte.

Come si deve” è ambientato, infatti, nella cucina di un carcere di massima sicurezza di un’ipotizzata e “non auspicabile” Italia nella quale è stata ripristinata la pena di morte. E’ un corto sull’importanza e sull’umanità del gesto che, nella vita quotidiana, potrebbe sembrare il più banale: cucinare. Sì, perché l’anziana cuoca del carcere (Piera degli Esposti), addetta a preparare l’ultimo pasto per il condannato a morte, prima di lasciare il posto, si vuole assicurare che la giovane che la sostituirà (l’unica che ha “risposto all’annuncio” e si è presentata per il colloquio: come dire che, alcuni lavori umili o gesti di umanità sono trascurati o ritenuti non importanti) sia preparata a cucinare “come si deve” rispettando scrupolosamente ogni dettaglio e badando alla sostanza anche nello scegliere gli ingredienti. La cuoca, così, non si limita a fornire alla giovane le sue ricette, ma insieme ad insegnamenti di etica ed umanità, le fornisce una rubrica coi menu, ossia, con le ultime richieste dei condannati e si premura che non siano “deluse le aspettative”, gli ultimi desideri del condannato a morte: non interessa chi sia e cosa abbia fatto il reo, è “l’ultimo pasto della loro vita” ed “è un fatto etico”!

Un cortometraggio fatto molto bene, oltre che per l’interpretazione delle famose attrici Piera degli Esposti e Diane Fleri, anche per la musica, i suoni e la scenografia.

Davide Minnella è stato anche regista di altri corti con Sergio Rubini ed ha partecipato al set dell’Isola dei Famosi, La Talpa, Amori.

Recensioni del cortometraggio sono pubblicate sul sito del Corriere della Serae su La Gazzetta del Mezzogiorno del 20 Gennaio 2010 (sezione Puglia- Lecce). Roberto Di Napoli

Posted in cinema, condanna a morte, fainotizia, giustizia giusta, pazzi, persone straordinarie, radicali, solidarietà, stato di diritto, stato sociale, storie semplici, tortura e pena di morte | Leave a Comment »

26 giorni dopo Capodanno ……….. i miei (forse, poco tempestivi) auguri di Buon Anno!!!

Posted by Roberto Di Napoli su 26 gennaio 2010

 A questo mio blog sono veramente affezionato. Mi ha fatto conoscere tantissime persone, spesso, purtroppo, vittime di usura (sia bancaria che criminale), di estorsione o, peggio ancora, di malagiustizia.

Aggiornarlo significa, per me, farmi sentire, sentire gli amici, comunicare; un po’ come avere voglia di alzare il telefono e parlare: proprio, però, come accade tra gli amici “reali” che, pur sempre nei reciproci pensieri, non hanno il tempo di contattarsi, così accade col blog. Non aggiornarlo ogni giorno od ogni mese non significa assolutamente averlo abbandonato. Il blog, d’altronde, è un diario on line e non un giornale o periodico. Si scrive quando si ha voglia o tempo: quello che, purtroppo, non ho avuto io, ultimamente, a causa di impegni professionali o di necessità di svago, soprattutto, durante i pochissimi giorni di “pausa” all’inizio del mese.

Non ho scritto il mio post di "auguri di buon anno". Ho rimandato ogni giorno. Non lo dico per giustificarmi ma credo, oltretutto, che chi, come me e molti amici, nella vita, ha sofferto o soffre, chi ha subito i più grandi dispiaceri, chi, mentre gli altri festeggiano spendendo soldi per un cenone o col “pensiero delle vacanze”, è preso dalla disperazione, sa bene che ricevere un tempestivo ma formale "Tanti auguri", a volte, può sembrargli solo una provocazione o determinare un senso di fastidio se, magari, "mentalmente" associato alla convinzione dell’assoluta "strafottenza" di chi fa (o meglio: sembra fare) gli auguri (senza, per educazione, nemmeno potere rispondere come si vorrebbe) o se non è accompagnato da gesti concreti, anche i più semplici, come un abbraccio, un incoraggiamento, una telefonata od un’opinione nel resto dell’anno.

A tutti i miei “amici del blog”, convinto che facciano pur sempre piacere -essendo, tra l’altro, ancora, a Gennaio- con notevole ritardo ma col cuore, faccio i miei più cari auguri di

BUON 2010

con la speranza (identica, a dire il vero, a quella dell’anno scorso, di due anni fa e dei precedenti) che sia l’anno della riforma (dicono che, questa volta, dovrebbe essere "vera"!) della giustizia, della modifica della legge sulla responsabilità civile dei magistrati, della composizione del CSM, della normativa antiusura ed antiracket (come ho scritto l’anno scorso anche nella mia petizione inviata alla Camera dei Deputati, se non dovessero essere approvati gli emendamenti da me suggeriti e sottoscritti da vari deputati, credo che l’attuale disegno di legge serva ben poco a tutelare effettivamente le vittime) e con l’auspicio di ogni contributo utile a rendere questo Stato un Paese civile! Roberto Di Napoli
 

Posted in amici veri, auguri alle vittime, capodanno 2010, fainotizia, invisibili, paese dei balocchi, pazzi, stato sociale, vittime | 1 Comment »

Un passo indietro e, ancora una volta, “cento passi” verso il buio dell’oblio

Posted by Roberto Di Napoli su 11 settembre 2009

La scelta di togliere, in provincia di Bergamo, una targa dedicata a Peppino Impastato mi pare scandalosa. Ecco perchè la gente e le nuove generazioni dimenticano, poi, tutti quegli eroi che, pur non essendo magistrati o politici, ma, semplici cittadini, hanno, analogamente, combattuto la mafia: spesso, nel silenzio o con gli ostacoli frapposti proprio dalle Istituzioni. Togliere una targa che ricorda Peppino Impastato significa un passo indietro e, ancora una volta, …. "cento passi" verso il buio dell’oblio comodo a tanti, mafiosi e non solo. Come rappresentato nello straordinario film di M. T. Giordana "I cento passi", già all’indomani dell’uccisione di Peppino Impastato, d’altronde, fu comodo, all’inizio, tentare di scambiarla per un "incidente", peraltro, passato inosservato, nel silenzio dell’informazione, occupata, il 9 Maggio 1978, a narrare l’epilogo di un’altra, ancora oggi oscura, tragedia italiana.

Corriere della Sera.it
MILANO – Da biblioteca Peppino Impastato a biblioteca comunale di Ponteranica. Accade a Ponteranica, Comune in provincia di Bergamo. Il nuovo sindaco leghista, Cristiano Aldegani, ha fatto rimuovere la targa voluta un anno e mezzo fa dal suo precedessore di centrosinistra che aveva dedicato la biblioteca civica al giovane siciliano ucciso dalla mafia nel 1978. Una iniziativa motivata dal Leggi ancora

Posted in fainotizia, idioti, indifferenti, informazione, mafie, pazzi, peppino impastato, persone straordinarie, porcate, portatori di mafia, racket, usura, usura ed estorsione bancaria | Leave a Comment »

Delara, l’ultima chiamata ai genitori: «Mi impiccano fra poco, aiutatemi»

Posted by Roberto Di Napoli su 4 Mag 2009

Riporto la notizia che ho letto su Corriere.it . Penso che, di fronte a simili crudeltà ancora presenti su questo pianeta, ogni mio commento sia superfluo ed è immaginabile il dispiacere di tutto il mondo per questo ennesimo

SCHIFO!

Roberto Di Napoli

Corriere della Sera.it
TEHERAN – Un’ultima disperata richiesta di aiuto alle persone più care. «Mi impiccano fra pochi secondi, aiutatemi!»: così, alle 06.00 di venerdì mattina Delara Darabi, la 23enne pittrice iraniana condannata a morte per un omicidio commesso a 17 anni, ha informato per telefono i genitori che la stavano portando sul patibolo. Poco dopo, è stata giustiziata. Ora, come ha raccontato il suo Leggi ancora

Posted in appelli, condanna a morte, delara darabi, fainotizia, pazzi, porcate, sit-in per la giustizia, solidarietà, tortura e pena di morte, vittime | Leave a Comment »

Iran, esecuzione rinviata per Delara

Posted by Roberto Di Napoli su 19 aprile 2009

La notizia del rinvio, di certo, conforta e lascia sperare che si eviti l’esecuzione della condanna a morte. E’, in ogni caso, assurda ed incivile la condizione affinchè sia salvata: un risarcimento in denaro! Spero che la donna sia salvata in quanto essere umano, senza condizioni. Roberto Di Napoli

Corriere della Sera.it
TEHERAN – Condanna a morte temporaneamente sospesa per Delara Darabi, l’artista iraniana condannata a morte per un omicidio commesso a 17 anni. Il capo della magistratura di Teheran, l’ayatollah Mahmud Hashemi Shahrudi, ha rinviato l’impiccagione «per un periodo limitato di tempo», come spiega il quotidiano , per dare modo alla famiglia della vittima dell’omicidio di riflettere sulla richiesta Leggi ancora

Posted in condanna a morte, esaltati, fainotizia, giorno del giudizio, giustizia giusta, pazzi, solidarietà, urgente solidarietà, vittime | Leave a Comment »

La ragazza-pittrice al patibolo in Iran

Posted by Roberto Di Napoli su 17 aprile 2009

Leggere i rapporti sul numero di esecuzioni di condanne a morte nel mondo, di certo, fa riflettere. Leggere che ci sono Paesi che trascinano sul patibolo, perfino, minorenni, credo che faccia rabbrividire ed indignare ogni persona umana. Eppure sono convinto che se il governo di ogni Paese minacciasse di tagliare qualsiasi rapporto -soprattutto commerciale- con quello Stato che preveda la condanna a morte, …. probabilmente, verrebbe eliminata la più grave forma di inciviltà che una Nazione è capace di manifestare mascherandola sotto le sembianze di una sanzione giuridica. So bene, tuttavia, che la mia convinzione è solo un ingenuo desiderio e ci sono rapporti commerciali che nessun governo ha il coraggio di risolvere facilmente. Ho letto la notizia che riporto di seguito sulla ragazza iraniana di 17 anni che rischia, fra tre giorni, di finire sul patibolo pur essendo innocente. Su alcuni siti (ad esempio: sul sito dell’associazione Amnesty International; cliccare qui per leggere la storia e firmare sul sito dell’associazione) è possibile sottoscrivere l’appello per tentare di salvarla. Con un gesto di pochi secondi, ognuno può contribuire nel tentativo di salvare una persona: di certo, può unirsi nel grido contro una VERGOGNA! Roberto Di Napoli

Corriere della Sera.it
Delara Darabi (a sinistra nella foto) è una iraniana di 23 anni con la passione per la pittura. Fra tre giorni sarà impiccata: nel 2003 aiutò il fidanzato in una rapina, Delara si dichiarò poi colpevole per difenderlo. Anche Roxana Saberi (a destra nella foto) è in carcere: giornalista americana-iraniana, è accusata di spionaggio. «Sai cosa significa essere prigioniero dei colori? Leggi ancora

Posted in appelli, condanna a morte, delara darabi, esaltati, fainotizia, giorno del giudizio, giustizia giusta, idioti, pazzi, porcate, solidarietà, stato di diritto, tortura e pena di morte, urgente solidarietà | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: