IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • Dal sito Foroeuropeo: video seminario del 14 maggio 2019

  • RSS Da Il Sole 24 Ore

  • RSS Le news da Altalex.com

  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Unisciti ad altri 510 follower

  • Banner

  • Contatore visite

    • 105.158 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Seguimi sui social

  • Traduci nella tua lingua

  • Cerca per parole

  • Cerca i post per data

  • Vedi gli altri argomenti

  • In libreria …….per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • .

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • STUDIO LEGALE

  • Articoli recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • …… o su Twitter

  • Meta

Archive for the ‘reclamo’ Category

La sospensione dei termini nei giudizi civili nel periodo di emergenza. Un mio ebook edito da Maggioli.

Posted by Roberto Di Napoli su 8 aprile 2020

Cosa significa “sospensione dei termini”? E’ sospeso il processo? Ricevuta la notifica di un atto di precetto, è possibile proporre opposizione ex art. 615, primo comma, c.p.c. richiedendo la sospensione dell’efficacia esecutiva del titolo? Sono sospesi i termini di scadenza delle rate determinate in seguito a conversione di pignoramento?copertina ebook Le sospensioni processuali guida operativa per l'avvocato civilista

Sono alcune delle domande a cui ho cercato di dare una mia personale risposta in un vademecum Le sospensioni processuali: Guida operativa per l’avvocato civilista, uscito da pochi giorni, in formato ebook, edito da Maggioli Editore (acquistabile dalla pagina del sito della casa editrice, qui da cui e’ possibile scaricare anche l’addenda che tiene conto, oltre che della proroga dei termini fino all’11 maggio p.v., di quanto sancito dal d.l. 23/2020 in merito alla scadenza di cambiali, titoli cambiari e altri titoli esecutivi nonché relativamente alla improcedibilità dei ricorsi per fallimento).

La vasta partecipazione al webinar organizzato da Maggioli Formazione il 24 marzo 2020 sugli effetti delle recenti misure emergenziali nei giudizi civili, unitamente ai numerosi quesiti posti, mi ha indotto a pensare che potesse considerarsi utile una pur breve guida sui più frequenti dubbi che possono sorgere dalla (non chiarissima) normativa sulla sospensione (cosiddetta) “straordinaria” dei termini procedurali, nei giudizi civili, prevista dal decreto legge 17 marzo 2020 n. 18 (termini prorogati fino all’11 maggio p.v. dal sopravvenuto decreto legge 8 aprile 2020 n. 23).

Ho cercato di riunire le domande più frequenti all’interno delle seguenti aree:

1. Sospensione dei termini ed esercizio dell’azione
2. Atti difensivi, memorie e comparse
3. Procedimento monitorio ed opposizione a decreto ingiuntivo
4. Separazioni, alimenti e mantenimento
5. Impugnazioni
6. Precetto ed opposizioni
7. Procedure esecutive
8. C.T.U.
9. Procedure concorsuali
10. Termini sostanziali
11. Strumenti di risoluzione stragiudiziale delle controversie
12. Rilascio degli immobili
13. Termini per la domanda di risarcimento per la durata eccessiva del processo (cd. Legge Pinto)

In Appendice, è riprodotto il testo dei seguenti provvedimenti normativi:
D.L. 23 febbraio 2020, n. 6
D.L. 2 marzo 2020, n. 9
D.L. 8 marzo 2020, n. 11 

D.L. 17 marzo 2020, n. 18
Comunicato Banca d’Italia del 3 aprile 2020 

Posted in Pubblicazioni, reclamo, seminari, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nelle librerie giuridiche la IV edizione del mio “Risarcimento del danno da vacanza rovinata”. Un mio intervento sulla webradio IusLaw e su Il Foro Europeo.

Posted by Roberto Di Napoli su 9 agosto 2016

E’ nelle librerie giuridiche e in quelle online la IV edizione del mio volume “Risarcimento del danno da vacanza rovinata“, edito da Maggioli Editore.

Un libro nel quale ho cercato di riunire la normativa e la giurisprudenza in materia di viaggi e vacanze e che spero possa continuare ad essere apprezzato, come nelle precedenti edizioni, dal viaggiatore e dal turista anche se non sono mancate, in passato, recensioni con le quali il volume è stato ritenuto utile anche da tour operator e intermediari per difendersi da azioni infondate.

Credo che, ancora oggi, molti passeggeri e turisti non conoscono i propri diritti, quali ad esempio, quello ad ottenere una “compensazione pecuniaria” o le altre forme di assistenza nel caso di ritardo, cancellazione del volo o negato imbarco, o analoghi benefici nel caso di disservizi sul trasporto ferroviario o su autobus. Diritti, tra l’altro, riconosciuti non solo dai giudici nazionali ma anche dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea che più volte, investita dai giudici nazionali, si è espressa sull’interpretazione delle norme dei Regolamenti che, nell’obiettivo di fornire un’adeguata tutela dei passeggeri e dei consumatori, attribuiscono loro vari diritti di assistenza  e indennizzi.

Altri capitoli sono dedicati alla responsabilità per le cose portate in albergo o nelle carrozze letto, al contratto di ormeggio dell’imbarcazione, alla responsabilità nel caso di danneggiamento o furti, ai contratti di pacchetto turistico, alle pubblicità ingannevoli, ecc.

Pubblico il link ad un mio intervento trasmesso e diffuso oggi da Ius Law web radio (cliccare qui).

Al volume è stato dedicato anche uno spazio dal Tgnews del portale Il Foro Europeo (cliccare qui).

L’indice degli argomenti trattati può essere letto, cliccando qui, dal sito della casa editrice Maggioli Editore.

copertina risarcimento danno vacanza rovinata

Posted in presentazione libro Risarcimento del danno da vacanza rovinata, reclamo, rimborsi, treni, trenitalia, vacanza rovinata, vacanze | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | Leave a Comment »

Indifferenza e cortesia….. ad alta velocità!

Posted by Roberto Di Napoli su 14 ottobre 2008

Milano Stazione centrale seraCi sono "soggetti" che non hanno la minima consapevolezza delle conseguenze che possono derivare, a volte, dalla propria arroganza e maleducazione. So bene che, a volte, è solo la fretta o la superficialità che, involontariamente, può fare sembrare una persona maleducata pur non essendolo. In alcuni casi, però, non può esistere alcuna giustificazione: specialmente quando, a causa del lavoro o delle funzioni ricoperte, non si può prescindere dalla cortesia necessaria nei confronti del pubblico o degli utenti!
Sono noti i disagi derivanti a chiunque dal ritardo del treno o dell’aereo: si può perdere una coincidenza o, semplicemente, si può essere costretti a snervanti attese. E’ per questo che, in alcuni casi, si ha il diritto all’indennizzo o, addirittura, al risarcimento dei danni. Non avevo mai riflettuto, però, sui pregiudizi maggiori che possono derivare da un ritardo ma, soprattutto, dalla superficialità. So bene cosa si provi, quando si ha un problema grave da affrontare, nel ricevere e subire, piuttosto che un aiuto o un semplice sorriso od incoraggiamento, risposte frettolose o, peggio ancora, la totale indifferenza.
Giorni fa mi trovavo su un treno. Intento a scrivere al pc, ad un certo punto, sono stato colpito dalla disperazione della persona seduta di fronte a me e che, molto educata, distinta e riservata, non avevo considerato prima. Avevo visto che si era avvicinata al mio tavolino un’ "addetta all’assistenza" ma, intento a scrivere, non stavo prestando attenzione al dialogo col passeggero che mi sembrava si stesse lamentando solo del ritardo previsto nell’arrivo. Ad un certo punto, ho notato che quella persona, educatamente ma senza riuscire a nascondere la propria disperazione e sofferenza, non si stava lamentando del semplice ritardo. A causa del disservizio aveva perso la coincidenza e si sentiva offeso dalla risposta (a dir poco) superficiale che aveva ricevuto da un altro addetto cui aveva chiesto di poter salire sul primo treno Eurostar disponibile. Non stava facendo, purtroppo, un viaggio di piacere nè di lavoro! Quando ho sentito i seri motivi di salute e il tono della voce, ho alzato lo sguardo dalla tastiera: sono stato colpito dagli occhi lucidi e dall’insistenza con cui cercava di spiegare il problema e l’ovvia, più facile soluzione. Sottolineava, poi, anche la superficialità con cui gli si era risposto pur dopo avere evidenziato il suo dramma. Mi sono domandato, ancora una volta, se è possibile che una persona, pur quando sofferente, debba disperarsi, sprecare il fiato anche quando la soluzione dovrebbe essere semplice e scontata! Non sono riuscito a rimanere indifferente e continuare ciò che stavo facendo. Ho sentito il dovere di consigliare anch’io all’addetta di  telefonare subito al suo "superiore" e far presente il "caso particolare" in modo da permettere al già sfortunato passeggero di prendere il treno immediatamente successivo a prescindere dalla prenotazione (visto che, tra l’altro, tutto ciò era derivato da un ritardo). A dire il vero è prevalso il buon senso. La telefonata….. è andata a buon fine e il passeggero si è tranquillizzato. Se l’addetto a cui si era rivolto prima fosse stato più efficiente, cortese e, soprattutto, paziente nell’ascoltare (quanto la sua collega), probabilmente, però, si sarebbe evitata ad una persona già con seri problemi di salute oltre mezz’ora di disperazione e gli si sarebbe consentito, almeno, di viaggiare più serenamente. Faccio a quel passeggero i miei più sinceri auguri di una pronta guarigione! Roberto Di Napoli

Posted in auguri alle vittime, degrado pubblica amministrazione, fainotizia, ferrovie, persone straordinarie, reclamo, rimborsi, ritardi, solidarietà, treni, trenitalia, urgente solidarietà, vittime | 1 Comment »

OSPITE AL TELEGIORNALE DI LA7

Posted by Roberto Di Napoli su 30 luglio 2008

Domenica 27 Luglio 2008, quale autore del libro "Risarcimento del danno da vacanza rovinata", sono stato ospite al telegiornale di La7 delle ore 20.

Onorato e lieto dell’invito, ringrazio la redazione di La7, il conduttore, gli amici Antonio, Giovanni, Roberta e, ovviamente, i telespettatori. Roberto Di Napoli

Posted in amici veri, auguri alle vittime, bonus, eurostar lecce roma, fainotizia, ferrovie, la7, reclamo, ritardi, salento, telegiornale, treni, trenitalia | 5 Comments »

Trenincubo/2- Il 4 Febbraio, sull’Eurostar, oltre un’ora e venti minuti di ritardo: ancora una volta sulla tratta Lecce-Roma!

Posted by Roberto Di Napoli su 9 febbraio 2008

Stazione di LecceA Dicembre, in seguito allo scandaloso ritardo di circa 20 ore dell’Eurostar Lecce-Roma, qualche politico, mi pare, aveva pubblicizzato la sua richiesta a Trenitalia di sostituire i treni utilizzati lungo quella tratta.
Non era ancora caduto il Governo, non erano state ancora sciolte le Camere per cui non credo sia stata una “promessa” o un’“esternazione” da campagna elettorale.
Dopo qualche giorno, il 31 Dicembre, ho viaggiato sul treno Roma-Lecce. Mai visto dal 1996, su quella linea, un treno pulito quanto quello sul quale ho viaggiato l’ultimo giorno dello scorso anno. Il treno non era il solito “pendolino” bianco e rosso di oltre dieci anni fa; era proprio un “moderno” Eurostar simile a quello utilizzato nel resto d’Italia: poltrone larghe, comodissime, bagni pulitissimi senza nemmeno una goccia di pipì fuori dal water. C’era, addirittura, molto più spazio per sistemare le valigie e, ad ogni posto, finanche, una presa elettrica per collegare il pc
E’ arrivato in orario, puntualissimo
Mi sono chiesto: sarà stato, questa volta, grazie a qualche politico particolarmente sensibile alle esigenze dei passeggeri che vanno in Puglia? Oppure all’efficienza di Trenitalia che ha posto rimedio, subito, sostituendo i treni obsoleti?
Sono tornato a Roma il 6 Gennaio, festa dell’Epifania, che, come si dice, “tutte le feste porta via”. Ha portato via, in effetti, anche il piacere che avevo provato -nemmeno una settimana prima- nel pensare che Trenitalia avesse destinato, per la tratta Roma-Lecce, un Eurostar moderno. Ma mi sbagliavo, evidentemente.
Dopo lo "scandalo" e i risarcimenti ……… tutto è tornato come prima. E’ ricomparso il “pendolino” style “primi anni ’90” con lo spazio insufficiente per sistemare i bagagli.
Su quel treno (quando è affollato, come è prevedibile e come i responsabili di una società per azioni, d’altronde, devono augurarsi lo sia ogni giorno) è impossibile che tutti i passeggeri riescano a sistemare le valigie (a volte voluminose) negli spazi appositi sopra le poltrone o nei ridicoli spazi all’ingresso delle carrozze.spazio valigie su un eurostar
Si è costretti, così, a lasciarle in mezzo allo strettissimo corridoio con inevitabile intralcio al transito degli altri passeggeri. Non mi sembra proprio, questo, un modo di viaggiare proporzionato al costo del biglietto (ben 54 euro: quasi quanto un volo low cost da Roma per una capitale europea). Dubito, fra l’altro, che ciò sia compatibile con le norme di sicurezza essendo prevedibili i pericoli, in caso di emergenza, determinati da un corridoio occupato da ingombranti valigie. Lasciando il bagaglio accanto alla propria poltrona, poi, il viaggiatore seduto è costretto, più volte durante il viaggio, a scomodarsi per cercare di consentire il transito all’altro passeggero; se ciò non è possibile, quest’ultimo deve scavalcare, magari, con la propria pesante valigia.
Insomma: si può rivelare –o, di certo, io l’ho avvertito così- un viaggio stressante, incompatibile col costo del biglietto pari ad oltre 50 euro.
Il 29 Gennaio, dovendo partire da Roma per Lecce e volendo continuare a lavorare col pc, dopo avere notato che su alcuni Eurostar non tutti i posti, ma, soltanto, quelli situati al lato del finestrino, sono dotati della presa per la corrente elettrica, ho scelto una poltrona posta su questo lato.
La presa c’era ma, purtroppo, mancava un "comfort": la corrente! Ho fatto la prova ad inserire la spina in un’altra presa elettrica. Niente. Quando è passato un assistente di Trenitalia ho domandato come mai le prese non funzionassero. Mi ha risposto che erano guaste e che potevo inoltrare un reclamo: ciò che, in realtà, ho fatto. Ma non è stato l’unico inconveniente: il treno che sarebbe dovuto arrivare a Lecce alle 21,50 è arrivato dopo oltre venti minuti.
Lo scorso 4 Febbraio, il ritardo, ancora una volta sulla tratta Lecce- Roma, è stato di un’ora e venti minuti circa! Il pendolino bianco e rosso, sin dalla stazione di Lecce, è partito qualche minuto dopo rispetto al previsto, a quanto pare, a causa di un problema nella chiusura delle porte di una carrozza. Spero che non sia vero quello che ho sentito e, cioè, che il difetto "comprometteva un impulso alla locomotrice" impedendone la partenza. E se durante il viaggio questo difetto si fosse ripetuto? Si sarebbe fatto correre ai passeggeri il rischio di pernottare, un’altra volta, sull’Eurostar?  
La presa della corrente elettrica, poi, questa volta, non c’era proprio né al mio posto né sulla parete al lato del finestrino. Ho notato soltanto una presa dietro alla poltrona all’inizio della carrozza. Buono a sapersi! Mi domando, però, se chi ha progettato l’interno di quell’Eurostar e chi ancora li fa circolare abbiano, per caso, pensato che i passeggeri salgano senza valigie (o, al massimo, con una ventiquattrore) e, magari, con una prolunga elettrica per attaccare alla corrente gli strumenti elettronici.
Durante il viaggio sono entrato (per "improrogabili" esigenze) in una "toilette". Mi è stato particolarmente facile notare, dopo pochi secondi, affisso sulla parete, un cartello in cui vi era scritto che era stata pulita e disinfettata (che lusso!) alla stazione di Lecce il 2 Febbraio, ossia, due giorni prima.
Il treno, piuttosto che arrivare alle ore 23,26, è arrivato a Roma alle 0.50 circa. A prescindere dal danno non patrimoniale subito, per andare a casa ho dovuto prendere il taxi. Dopo mezzanotte, alla Stazione Termini, come è noto, non ci sono autobus “diurni”. Bisogna aspettare l’arrivo di qualche “notturno” che, peraltro, segue percorsi diversi. I passeggeri, in caso di ritardo dei treni Eurostar, hanno diritto ad un bonus ma, secondo quanto riconosciuto in alcune sentenze, hanno diritto, se riescono a fornire prova, anche al risarcimento dell’ulteriore danno eventualmente patito.
Una cosa mi sembra evidente: il ritardo di 20 ore sulla tratta Lecce- Roma e l’indennizzo di circa 800 euro pagato a centinaia di passeggeri non è bastato ad indurre i responsabili di Trenitalia a porre rimedio su quella tratta. I soliti treni e i soliti, insopportabili ritardi sono, come si vede, tornati. Si è aperta la campagna elettorale: torneranno anche i soliti parlamentari salentini e le solite promesse che fanno sorridere o incazzare sempre più quei cittadini che non godono di privilegi, dorati stipendi, favolose diarie e usano l’Eurostar, invece,  per guadagnare solo un tozzo di pane ? Roberto Di Napoli

Posted in bonus, degrado pubblica amministrazione, eurostar lecce roma, ferrovie, paese dei balocchi, reclamo, rimborsi, ritardi, salento, storie semplici, treni, trenitalia | 3 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: