IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • Dal sito Foroeuropeo: video seminario del 14 maggio 2019

  • RSS Da Il Sole 24 Ore

  • RSS Le news da Altalex.com

  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.769 follower

  • Banner

  • Contatore visite

    • 99.048 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Seguimi sui social

  • Traduci nella tua lingua

  • Cerca per parole

  • Cerca i post per data

  • Vedi gli altri argomenti

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • STUDIO LEGALE

  • Articoli recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • …… o su Twitter

  • Meta

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Usura bancaria meno grave di quella del “cravattaro”? Sono entrambi crimini che possono causare danni irrisarcibili alla persona (oltre che all’impresa)

Posted by Roberto Di Napoli su 16 novembre 2019

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post

Qualche anno fa, nel corso di un seminario tecnico-giuridico, un mio amico consulente contabile in materia bancaria disse che la causa di alcuni interrogativi in merito alla verifica dell’usurarietà in materia bancaria fosse, probabilmente, da ricercare nel fatto che la legge, a suo dire, era stata prevista per combattere l’usura criminale in quanto, sosteneva, i danni commessi dal cravattaro non sarebbero paragonabili  a quelli commessi dalla banca.

Per amicizia (e comprendendo la sua buona fede), cercai di mantenere la calma e l’educazione nel replicare. Risposi, così come fermamente credo ancora oggi, che l’usura bancaria non è affatto diversa né meno grave dall’usura del cravattaro ed è, forse, anche per questa ragione, che, con la modifica dell’art. 644 del codice penale intervenuta con la legge n. 108/1996, è stata prevista dal legislatore quale circostanza aggravante. Sono entrambi delitti e si possono manifestare in diverse forme di criminalità. Può, forse, essere diversa la “modalità di esecuzione” del reato. Anzi. La prima (cosiddetta usura bancaria) può manifestarsi in forma ancora più grave in quanto l’usuraio cosiddetto “cravattaro”, spesso, secondo quanto si legge dalla cronaca, commette fatti gravi ai danni della persona o dei beni materiali; “l’usuraio in cravatta“, invece, anche attraverso le segnalazioni illegittime nelle centrali Rischi o l’abuso di strumenti giuridici per ottenere un profitto non dovuto o superiore a quello lecito, può determinare danni irrimediabili e “non risarcibili in forma specifica” impedendo la rinascita dell’impresa e, allo stesso modo di quanto può fare l’usurario cravattaro, determina danni irrisarcibili anche alla persona della vittima compromettendo la sua dignità, la serenità della famiglia, la libertà di iniziativa economica, la salute e la vita. Diverso, ad oggi, è stato, semmai, il coraggio dei politici di affrontare seriamente il fenomeno dell’usura bancaria. A fronte di vari interventi (non solo di carattere normativo) contro l’usura del cravattaro, sono mancati interventi o concrete azioni o dichiarazioni contro “l’usuraio in cravatta”. Al massimo, ci sono state (e ogni tanto si ripetono) dichiarazioni dal sapore di slogan elettorali o iniziative messe nel cassetto e utili, semmai, per essere stampate e distribuite a convegni o comizi. Per capire le cause del silenzio, dell’indifferenza o della mancanza di azioni concrete, bisognerebbe verificare se possano essere essi stesse vittime del sistema bancario, oppure, in vari modi, complici o beneficiari.

Posted in diritti umani, Uncategorized, usura, usura ed estorsione bancaria, vittime | Leave a Comment »

Un mio breve intervento sulla web Radio Ius Law: “ALLE SEZIONI UNITE LA RIFERIBILITA’ DELLA DISCIPLINA ANTI USURA ANCHE AGLI INTERESSI MORATORI” 

Posted by Roberto Di Napoli su 8 novembre 2019

Pur consapevole della complessità della problematica e delle diverse, contrapposte eccezioni relativamente alla verifica di usurarietà degli interessi moratori e alle conseguenze civilistiche (per le quali, mi permetto di rinviare ad alcune mie pubblicazioni o a quanto scritto da altri autori), pubblico di seguito il link ad un mio breve intervento trasmesso da Ius Law- Web Radio.

“ALLE SEZIONI UNITE LA RIFERIBILITA’ DELLA DISCIPLINA ANTI USURA ANCHE AGLI INTERESSI MORATORI” – Intervista all’Avv. Roberto Di Napoli – IusLaw Web Radio

Posted in banche, Interventi avv. Di Napoli, intrecci, Ius Law Web Radio, Uncategorized, usura | Leave a Comment »

Finanziatori dello Stato ai posti di comando?

Posted by Roberto Di Napoli su 30 ottobre 2019

Notizie, quelle riportate nell’articolo, che alimentano il sospetto che, purtroppo, credo, si avverte da tempo: che il potere bancario-finanziario, di fatto, riesca a governare e che il bilancio, il benessere dei cittadini, e, forse, anche la legislazione ne siano condizionati. Si ha la triste sensazione che i valori della centralità della persona umana, della sua dignità e il rispetto dei suoi diritti fondamentali siano posti in secondo piano rispetto all’esigenza -che appare preminente- di rispettare logiche di bilancio e che, per tutelare quest’ultimo fine, perfino le norme della Costituzione possano apparire un intralcio. Consiglio la lettura dell’articolo e, soprattutto, le conclusioni che fanno riflettere anche sui recenti tentativi di modifiche costituzionali e se, davvero, le motivazioni risiedono in una (utile?) opportunità -non si sa quanto concretamente realizzabile e a quale costo- di risparmio per le casse dello Stato. Dovremmo ricordarci sempre che siamo cittadini e a nessuno dovrebbe essere consentito di scambiarci per “utenti, clienti di una società” che permette ai suoi finanziatori di entrare, di sedersi, controllare e comandare. 

Sorgente: Il club degli ex JP Morgan sale ai vertici delle società di Stato

Posted in affari e affaristi, Agenzie rating, Uncategorized | 1 Comment »

Da Il Sole 24 ORE: “Dal Daspo ai commercialisti al carcere agli evasori, i cambi di passo sulle misure della manovra” 

Posted by Roberto Di Napoli su 11 ottobre 2019

La scorsa settimana, nel precedente post, avevo scritto alcune mie brevi considerazioni sulla preoccupante notizia che circolava in merito all’ipotesi di introduzione del “daspo” ai commercialisti che avessero effettuato false dichiarazioni relativamente a compensazioni per contributi.

Mi fa piacere leggere che il Ministro dell’Economia ha smentito una tale ipotesi.

Riporto di seguito il link dell’articolo pubblicato sul sito Il Sole 24 Ore con le dichiarazioni del Ministro Gualtieri.

Sorgente: Dal Daspo ai commercialisti al carcere agli evasori, i cambi di passo sulle misure della manovra – Il Sole 24 ORE

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Presentato a Roma, nella sala della libreria Medichini, il volume Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo nel corso del seminario di approfondimento organizzato dall’editore.

Posted by Roberto Di Napoli su 1 ottobre 2019

Pubblico di seguito alcune foto del seminario, tenutosi a Roma lo scorso 27 settembre, nella sala della Libreria Medichini di Piazzale Clodio, su “Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo“, titolo del volume scritto da me e dal collega avv. Daniele Rossi e pubblicato da Revelino Editore che ha organizzato il seminario-presentazione.

image_2ec3ad05-53d9-4f99-9215-57a479385ae5.ea8bbb21-629e-478c-9e72-1497b09678bf.jpg

Moderatrice del seminario è stata la dott.ssa Fabiola Pietrella, commercialista, curatrice fallimentare e docente all’Università di Macerata.

Relatore -subito dopo l’intervento mio e del collega avv. Rossi nel corso dei quali abbiamo cercato di fornire una rassegna delle principali pronunce in materia di nullità del mutuo per difetto di causa in concreto, sui vizi del titolo esecutivo e sulle principali problematiche relative alle clausole determinative degli interessi- è stato il dott. Francesco Olivieri (che ha fornito un utile contributo alla redazione di alcuni paragrafi del volume) il quale ha illustrato le differenze tra il piano di ammortamento con capitalizzazione composta e quello con capitalizzazione semplice: tema, questo, particolarmente attuale e oggetto di pronunce giurisprudenziali.

image_06ff3a16-daec-4334-8cce-95e709df7f93.11e5a654-0010-46e4-8dbb-84bba8a7cdb0

Da sinistra a destra: la dott.ssa Fabiola Pietrella, il dott. Francesco Olivieri, il sottoscritto e l’Avv. Daniele Rossi

Ringrazio, oltre che l’organizzatore Revelino Editore e la Libreria Medichini, quanti (anche venendo dalla Sicilia) hanno partecipato all’incontro e, in particolar modo, il Prof. Antonio Annibali che ci ha onorato della Sua autorevole presenza e illuminato col Suo prezioso intervento.

Ringrazio, infine, l’amico e collega avv. Stefano Di Santo, autore dell’articolo su Roma Capitale Magazine (cliccare qui per la lettura) nonché gli altri siti che hanno dato notizia del seminario, tra cui expartedebitoris e l’agenzia Consulpress.

image_6dc22c73-a2db-4f59-b04d-fd69a7659939.d8034d9c-9e5c-480b-8953-aa03da793ac7.jpg

locandina seminario 27 settembre 2019

Posted in ammortamento alla francese, anatocismo, convegni, Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo, presentazione libri, seminari, Uncategorized | Leave a Comment »

Roma, 27 settembre 2019: Seminario (con presentazione del libro) su Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo

Posted by Roberto Di Napoli su 15 settembre 2019

Si terrà venerdì 27 settembre, dalle 14 alle 18, presso la libreria Medichini (a Roma al Piazzale Clodio), il seminario, organizzato da Revelino Editore, su “Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo” , titolo del mio ultimo volume, scritto con l’amico e collega avv. Daniele Rossi e con la collaborazione del dott. Francesco Olivieri (attuario, consulente tecnico d’ufficio e autore di pubblicazioni).

Modererà la dott.ssa Fabiola Pietrella (commercialista, docente a contratto all’Università degli Studi di Macerata).

Pubblico di seguito il programma con l’indicazione delle modalità e del costo di iscrizione. Per iscriversi è possibile anche cliccare direttamente sul seguente link per accedere alla relativa pagina del sito della casa editrice (qui)

L’evento prevede l’attribuzione di n. 3 crediti formativi.

locandina seminario 27 settembre 2019

Posted in ammortamento alla francese, banche, convegni, Le contestazioni invalidanti i contratti di mutuo, libri, presentazione libri, seminari, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Dal sito ilmessaggero.it: Le riforme mancate/Quale giustizia troverebbe oggi Sciascia

Posted by Roberto Di Napoli su 4 agosto 2019

Condivido di seguito il link all’editoriale di Carlo Nordio pubblicato sul sito ilmessaggero.it .

La città di Racalmuto onora oggi Leonardo Sciascia nel trentennale della morte, con un dibattito sulla Giustizia presso la Fondazione che reca il suo nome. Sappiamo quante energie fisiche e…
— Leggi su www.ilmessaggero.it/editoriali/carlo_nordio/editoriali_carlo_nordio-4626968.html

Posted in giorno del giudizio, giustizia giusta, stato di diritto, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

1 luglio 1994- 1 luglio 2019: 25 anni dalla scomparsa di mio nonno, dott. Giuliano Teseo. Il comune di Taviano, lo scorso novembre, gli ha dedicato una via

Posted by Roberto Di Napoli su 2 luglio 2019

25 anni fa, la notte tra il 30 giugno e 1° luglio del 1994, moriva mio nonno materno, dott. Giuliano Teseo, medico di cui, ancora oggi, molte persone e pazienti che lo hanno conosciuto ne conservano il ricordo. Non nascondo, quale nipote, la felicità e l’orgoglio nel vedere che lo scorso 26 novembre, il comune di Taviano dove è vissuto quasi tutta la sua vita, col voto unanime dei consiglieri, gli ha dedicato un’area parcheggio nel centro del paese. E’ stato ricordato dal Presidente del Consiglio comunale che “(…) Per lui la medicina era una missione. Dopo una prima visita la mattina, raccomandava ai pazienti di far trovare la sera la porta socchiusa perché prima di andare a dormire avrebbe fatto una capatina per sincerarsi delle condizioni del suo assistito. La sua generosità andava oltre i limiti del rapporto medico-paziente e spesso avveniva che le persone che avevano commesso qualche errore nella vita o che avevano iniziative da intraprendere o comunque bisognose di aiuto trovassero in lui una valida spalla su cui trovare sollievo”. image_cd70fb76-3975-43e4-b0b6-1df7a7f295e7.photo-2018-11-16-19-02-34Fu uno dei primi medici, in Puglia, a dotare il proprio studio professionale di quelli che, al tempo, erano i più moderni impianti radiologici e la massima dedizione al lavoro compromise la sua stessa salute tanto che, a causa delle radiazioni, subì gravi danni alle dita.

Costretto ad andare in pensione, dopo qualche anno, all’inizio del 1994 subì un intervento cardiochirurgico ma le sue condizioni si aggravarono e a luglio dello stesso anno mori’ a 73 anni.

Mi fa molto piacere, quale nipote, sentire, spesso, i racconti di tanti che, soprattutto a Taviano e Gallipoli, lo hanno conosciuto e leggere, sulla pagina Facebook del Comune di Taviano, i commenti e le testimonianze di molti pazienti.

Riporto di seguito il link alla pagina Facebook con la biografia e all’articolo di Piazza Salento (cliccare qui)

La notizia dell’intitolazione dell’area parcheggio è stata riportata anche da La Gazzetta del Mezzogiorno del 29 novembre 2018.

 

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , , , | 3 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: