IL BLOG DI ROBERTO DI NAPOLI

………. per la difesa dei diritti civili

  • Avv. Roberto Di Napoli Esercita prevalentemente in difesa di vittime di abusi bancari e dei consumatori. Patrocinante in Cassazione e altre Giurisdizioni Superiori

  • Dal sito Foroeuropeo: video seminario del 14 maggio 2019

  • RSS Da Il Sole 24 Ore

  • RSS Le news da Altalex.com

  • “Caso Di Napoli”

  • PRECAUZIONI…

  • … E UNA MIA BANALE CONSIDERAZIONE

  • Se non sei iscritto su wordpress e vuoi essere aggiornato sui nuovi post, inserisci il Tuo indirizzo email, attendi il messaggio e conferma l'iscrizione.

    Segui assieme ad altri 1.769 follower

  • Banner

  • Contatore visite

    • 99.046 visite oltre a 34.398 registrate sulla precedente piattaforma Splinder dal 21.03.2007 al 31 Gennaio 2012
  • Iscriviti

  • Seguimi sui social

  • Traduci nella tua lingua

  • Cerca per parole

  • Cerca i post per data

  • Vedi gli altri argomenti

  • In libreria …………… per chi vuole sapere come difendersi dagli abusi bancari

  • ………. per chi vuole conoscere i suoi diritti dal viaggio al soggiorno

  • STUDIO LEGALE

  • Articoli recenti

  • Puoi seguirmi su Facebook

  • …… o su Twitter

  • Meta

Archive for the ‘università e studenti’ Category

E’ proprio opportuno il deposito di soldi di bambini in una banca? Perchè non si insegna anche come tante banche hanno, finora, preteso somme non dovute (anche ai danni delle loro famiglie)?

Posted by Roberto Di Napoli su 24 novembre 2014

La riproduzione anche parziale del contenuto del blog è riservata. E’ consentita la riproduzione solo citando la fonte o il link del blog o del singolo post.

Incredibile. Dopo avere ascoltato, un paio di settimane fa, il servizio di TG1 Economia sulla campagna di educazione al risparmio promossa niente di meno che dalla BNL, dedicata ai bambini delle scuole elementari (in merito all’iniziativa avevo espresso alcune mie considerazioni in un mio precedente post, clicca qui), ho letto sul n. 47 di Panorama (pagina 68) di un’altra straordinaria invenzione, un’ulteriore “genialata”: insegnare ai bambini come risparmiare raccogliendo piccoli importi che andrebbero a confluire su un conto aperto presso una banca di credito cooperativo (l’articolo intero, di B. Stancanelli “Sui banchi facciamo una banca”, risulta disponibile nella rassegna stampa del sito del Ministero dell’istruzione, clicca qui). Credo che anche questa sarebbe un’iniziativa encomiabile. Mi piacerebbe sapere, però, dagli insegnanti: si sono assicurati che, nell’ipotesi remota, e che speriamo non si avveri mai, di “prelievo forzoso”, quei pur modestissimi importi stiano al sicuro? E’ proprio indispensabile il deposito in una banca? Il 3% annuo su importi, immagino, modestissimi non può darlo la scuola? Suggerirei, poi, per completezza di insegnare ai bambini come si comporta la banca quando un cliente si rifiuta di pagare un debito usurario. Potrebbero, ad esempio, quegli stessi insegnanti, far vedere come sia difficile ottenere un fido o mutuo e, in caso, quale sarebbero i costi effettivi. Potrebbero, quindi, con una breve lezione di aritmetica (con l’ausilio di un’equipe di psicologi e psichiatri dell’età infantile onde evitare ogni rischio di trauma) tentare di spiegare come mai un tasso di interesse debitore, per la banca, risulti sempre inferiore a quello effettivo. Sono sicuro che, se fatta con metodi adatti alla comprensione da parte dei bambini, potrebbe pure risultare divertente. I bambini prenderebbero la lezione come una magia da Mago Merlino: “La banca presta € ….. di capitale; dopo un anno, addebita € XXXXX di interessi, quanto è il tasso applicato, su quel prestito, dalla banca?” -“Il 28% signora maestra e i giudici puniranno il banchiere per usura!” – No, sbagliato. – “Il 32%, maestra!” – “No, sbagliato. Ve lo dico, io: E’ il banchiere che, un po’ come avesse la bacchetta magica (abracadabra) lo fa diventare il 5, come una magia: il resto sono commissioni e quel banchiere è’ così bravo, bello e buono che è pure il vero Re del Paese dei Balocchi e nessun Re è finito mai in galera: nemmeno quando è stata riscontrata oggettivamente l’usura”. Spieghino, poi, quegli insegnanti, possibilmente con esempi pratici e reali in cui i veri protagonisti sono, però, gli stessi docenti, come non pagare mai l’usuraio e, al tempo stesso, cosa avviene se ci si rifiuta di pagare un importo usurario, richiesto da una banca e garantito da ipoteca. Sono sicuro che il bambino più sensibile si metterebbe a piangere, battendo i piedi e chiedendo dove sono andati a finire i suoi soldi, mentre, quello più previdente, non depositerebbe in custodia nemmeno una merendina: conserverebbe quei pochi euro in tasca o, magari, li investirebbe diversamente; forse anche nel “mattoncino Lego”, non remunerativo ma più sicuro nel “capitale” investito, esente da rischi e da tasse, almeno finora!

Posted in banche, fainotizia, informazione, paese dei balocchi, stato sociale, università e studenti, usura, vittime | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Il mio ricordo di Franco TRITTO: un esempio di straordinaria umanità (anche all’interno degli Atenei!!!)

Posted by Roberto Di Napoli su 5 giugno 2007

Il 9 Agosto 2005, all’improvviso, è volata in Cielo una persona straordinaria ed unica. Un Professore che, a leggere quanto scritto dai suoi affezionati allievi i quali, ancora oggi, lo ricordano con fotografie e testimonianze -in un sito dove, nei minimi particolari, è riprodotta la cattedra da cui continuava le lezioni impartitegli da Aldo Moro-, è stato amato da tantissime persone. Un amico che, all’improvviso, è volato via senza tornare più in quell’aula dove i Suoi allievi, pur dopo avere seguito le lezioni e superato l’esame, erano contenti di ritrovare. Chi non ha avuto il piacere e l’onore di conoscerlo può vedere le fotografie pubblicate sul sito (www.aulaxi.it) o leggere i racconti dei suoi studenti per avere un’idea della straordinarietà di Franco Tritto. Credo che nell’attuale “mondo” universitario, un Professore che ami gli studenti a tal punto da fornire loro i propri recapiti telefonici e da preoccuparsi, quando assenti, fino a chiamarli al telefono, non può che destare meraviglia. Sarebbe, quindi, superflua ogni ulteriore parola per descrivere la sua UMANITA’. E’ stato assistente di Aldo Moro e uno dei suoi più fedeli collaboratori fino a divenire, il 9 Maggio 1978, il destinatario della telefonata con cui le Brigate Rosse gli comunicavano di avergli strappato il suo Maestro chiedendogli di portare la notizia ai familiari. E’, involontariamente, “passato nella storia” per essere stato testimone dell’ultimo folle atto dei brigatisti ma molti (io compreso prima che leggessi quanto contenuto nel sito www.aulaxi.it) non conoscono le numerose e straordinarie virtù del Prof. Tritto manifestate anche nelle sue lezioni universitarie. Ha insegnato diritto e procedura penale in varie università fino a ritornare a Roma, alla Facoltà di scienze politiche dell’Università “La Sapienza”, per potere tenere le sue lezioni nell’aula XI intitolata a Moro: aula in cui –come affermato dai suoi allievi nel sito internet- potevano nascere amori e amicizie durature. Pur scomparso prematuramente, dura ancora, infatti, l’amicizia con i suoi studenti che non l’hanno dimenticato ed, anzi, continuano ad onorarlo così come merita un uomo che, evidentemente, ha saputo manifestare, in ogni momento, la sua bontà nonché “la magia” –come, giustamente, mi ha scritto una sua allieva- "nel far sì che le cose giuste e la ricerca della verità, necessariamente ricondotte al dato umano, non si arrestino".

Avendo io studiato giurisprudenza, non ho avuto il piacere di assistere alle lezioni ma ho avuto il piacere e l’onore di conoscerlo a casa mia quando avevo sei anni. Lo ricordo, come se fosse ieri, intento a giocare -con la stessa meraviglia e semplicità di un bambino- con un mio videogame, uno“scacciapensieri”, aiutando Topolino a raccogliere, senza romperle, le uova lanciategli da Minnie. Mi regalò, quell’estate, una piccola macchina fotografica che ho utilizzato fino a pochi anni fa e che custodisco, tuttora, quale ricordo di una persona straordinaria. L’ho incontrato qualche altra volta e speravo, anni fa, di rivederlo con l’immaginabile desiderio di chi, da piccolo, ha conosciuto una persona e ne conserva ricordi bellissimi per il resto della vita. Non ho fatto in tempo ma, nella sua aula virtuale, i Suoi gentilissimi allievi mi hanno accolto scrivendo sulla lavagna il link con il mio blog dopo avere loro chiesto il permesso di inserire il loro link nel mio. Mi hanno riferito che dedicava particolare attenzione, nei Suoi insegnamenti, all’usura, all’estorsione e al riciclaggio. Sono, quindi, ancora più dispiaciuto di avere perso un amico e un grande Professore che mi avrebbe potuto insegnare tanto in questa materia e che, soprattutto coi suoi insegnamenti, avrebbe potuto contribuire al contrasto a tali fenomeni. Le sue lezioni sulla centralità della persona umana nel sistema giuridico avrebbero, sicuramente, potuto contribuire a sensibilizzare le Istituzioni sull’attuale mancanza di tutela delle vittime che, attualmente, subiscono i paradossi e le conseguenze di una ambigua normativa e, spesso, di interpretazioni assurde contro ogni principio costituzionale. Consiglio a chiunque di cliccare sul link al sito www.aulaxi.it per conoscere un esempio di straordinaria umanità e un grande Professore rimasto umile fino a farsi disinteressatamente amare dai suoi studenti ma che -come accade, forse, a persone perfette costrette a vivere in un mondo dove tutto funziona “alla rovescia”-, ci ha, improvvisamente, lasciati. Con la consapevolezza che “i giusti” non scompaiono mai e che la loro assenza, pur triste, è soltanto apparente in quanto continuano a guardarci da un Luogo sicuramente migliore, ho scritto a Franco Tritto una lettera che i miei amici “imbucheranno” nello spazio appositamente creato sul sito della sua Aula XI. Roberto Di Napoli

Posted in amici veri, la sapienza, lotta alla mafia, persone straordinarie, racket, università e studenti, usura | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: